Pareti divisorie per ufficio: come creare un ambiente di lavoro più funzionale e produttivo

Avere spazi di lavoro funzionali, sicuri e capaci di propiziare la concentrazione è molto importante per la produttività degli uffici aziendali.

Spesso capita di imbattersi in grandi uffici in cui tutti gli impiegati lavorano in un unico e caotico open space: questo funziona per i lavori in cui pochi colleghi devono confrontarsi continuamente, ma non ripaga nei contesti in cui le attività sono divise in reparti differenti ed è richiesta precisione e concentrazione.

Cosa succede nei grandi open space? Minimo spazio vitale, telefoni che squillano in continuazione, colleghi che parlano ad alta voce, documenti che si mischiano… Ecco che il caos prende il sopravvento, minando la concentrazione, il benessere e la qualità del lavoro.

Un modo per rimediare c’è, e si tratta di una soluzione economica, flessibile e personalizzabile: le pareti divisorie per ufficio. Vediamo insieme le caratteristiche, gli utilizzi e i vantaggi di questo prezioso strumento.

Pareti divisorie per ufficio: caratteristiche e materiali

Le pareti divisorie per ufficio sono una delle soluzioni più pratiche, versatili e comode per suddividere gli spazi, ottimizzandoli in base alle esigenze operative aziendali.

Il vantaggio di queste pareti sta nel fatto che sono uno strumento molto flessibile, che può essere montato e smontato facilmente in base alle esigenze, ad esempio per creare sale riunioni provvisorie o uffici riservati ai manager o agli incontri coi clienti. Insomma, si tratta di una soluzione decisamente più pratica ed economica rispetto a costose e invadenti opere in muratura. Senza dimenticare che sono facili e veloci da installare.

Tutti questi vantaggi, però, si ottengono soltanto scegliendo pareti divisorie per ufficio realizzate e certificate dai migliori produttori in circolazione, come Prismac, azienda milanese specializzata in soluzioni di arredo per uffici e ambienti di lavoro. Prismac produce pareti divisorie in cartongesso, vetro e lamiera, in modelli standard o su misura, con materiali di prima qualità caratterizzati da resistenza, praticità e proprietà termo-acustiche, per assorbire i rumori e migliorare la qualità del lavoro in ufficio.

Pareti divisorie per ufficio: meglio vetro, lamiera o cartongesso?

Come anticipato poco sopra, sono tre i materiali principali usati per le pareti divisorie destinate agli uffici: il vetro, il cartongesso e la lamiera. Quali sono i pro e i contro di ciascuno? Ecco alcune preziose indicazioni per orientarsi nella scelta.

  • Il vetro è indicato per gli ambienti dal design ricercato e per gli uffici in cui è necessario ottimizzare la luce. Le pareti in vetro, infatti, enfatizzano la luminosità degli spazi. Possono essere opache o trasparenti, a seconda della privacy necessaria. La soluzione ideale dal punto di vista dell’eleganza.
  • Il cartongesso è un materiale economico e flessibile, molto utilizzato nel campo dell’edilizia leggera. Veloce da installare, si caratterizza per le importanti doti termoacustiche. Una parete in cartongesso, generalmente, ha uno spessore che varia dagli 8 ai 10 centimetri e può essere dotata di fori per illuminazione o di mensole e ripiani per contenere documenti e raccoglitori.
  • Le pareti divisorie in lamiera, grazie allo strato interno in resina poliuretanica o in fibra minerale ecologica, garantiscono la migliore regolazione della temperatura e l’isolamento dei rumori.

Una caratteristica molto apprezzata, inoltre, delle pareti divisorie è la loro duplice funzione di arredamento e divisione degli ambienti: possono infatti fungere come arredi bifacciali, ad esempio sotto forma di parete attrezzata, usati per ricavare spazi separati senza rinunciare al design dell’intero ambiente.

Perché scegliere le pareti divisorie di Prismac

Prismac che si occupa di progettazione, produzione e installazione di soluzioni innovative per uffici. Tutti i prodotti del catalogo possono essere personalizzati e declinati sulla base delle esigenze del cliente grazie a tecnici e progettisti che, forti di anni di esperienza nel settore, conoscono molto bene i problemi (e quindi le soluzioni) di grandi e piccoli uffici.

Senza costosi interventi di ristrutturazione, il personale di Prismac è in grado di montare pareti divisorie in tempi brevi e a costi contenuti. L’azienda, che ha la sua sede alle porte di Milano, utilizza solo materiali di alta qualità; oltre alle pareti divisorie, offre un’ampia gamma di soluzioni dedicate agli ambienti di lavoro come le scaffalature metalliche industriali, le scale di sicurezza, i soppalchi, gli archivi aziendali e molto altro ancora. Un team sempre aggiornato è sempre pronto a dare i migliori consigli per ridisegnare al meglio gli ambienti in base alle necessità aziendali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.