A Crema si cerca il cadavere di Sabrina Beccalli dopo le indicazioni del suo presunto assassino

I familiari di Sabrina vogliono solo una cosa: avere un cadavere a cui dare una degna sepoltura, dire addio alla loro adorata congiunta. Non vogliono altro dall’uomo che l’ha uccisa nel giorno di Ferragosto. Sabrina Beccalli è scomparsa nel nulla ma i suoi parenti hanno subito capito che non se ne era andata lasciando suo figlio di 14 anni, hanno immaginato che purtroppo, le fosse capitato qualcosa. E non sbagliavano perchè per il suo omicidio, è stato arrestato un amico. Non ha ancora spiegato i motivi del suo gesto ma, stando a indiscrezioni che arrivano da Crema, poche ore fa avrebbe iniziato a parlare, collaborando con le forze dell’ordine, indicando anche il posto in cui avrebbe sepolto il cadavere della donna.

L’uomo però, spiegando dove si possa trovare Sabrina, ha anche aggiunto di non essere il suo assassino e ha spiegato come sarebbero andate le cose.

ALESSANDRO PASINI PARLA CON GLI INQUIRENTI: SI CERCA IL CORPO DI SABRINA

E sono quindi riprese la ricerche del cadavere di Sabrina Beccalli, dopo l’interrogatorio di Alessandro Pasini, l’amico di 45 anni fermato con l’accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere. Sentito dagli investigatori, il presunto assassino non si è più avvalso della facoltà di non rispondere ma, come dichiarato dal suo legale, Paolo Sperolini, “ha dato la sua versione dei fatti e non ha confessato il delitto”.

Le ricerche si starebbero concentrando nella stessa zona in cui l’auto di Sabrina era stata trovata nel giorno della sua scomparsa, bruciata. E’ stata proprio l’auto della donna a portare al presunto assassino. L’amico di Sabrina infatti la stava guidando e le immagini delle telecamere di Crema lo hanno ripreso mentre era al volante del mezzo.

Ieri erano stati ritrovati dei sandali che i familiari di Sabrina avrebbero riconosciuto, sembravano essere proprio quelli che lei portava.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.