Tutta Italia in zona rossa a Natale? Le ipotesi sulle nuove restrizioni

ipotesi restrizioni a Natale

Tutta Italia in zona rossa a Natale? Le ipotesi sulle nuove restrizioni che il Governo potrebbe predisporre in vista delle imminenti festività lasciano presagire nuove strette per evitare gli assembramenti che, nei giorni scorsi, si sono visti nelle vie dello shopping delle principali città. E così Conte e il suo staff sembrerebbero essere intenzionati a correre subito ai ripari e tutta una serie di ipotesi sarebbero al vaglio proprio in queste ore. Si parla di un lockdown a livello nazionale per i cosiddetti giorni rossi, ovvero quelli più a alto rischio di spostamento. Se così fosse, bar e ristoranti dovrebbero rimanere chiusi dopo che in queste ore si era lasciato un spiraglio di speranza per i giorni del 24 e 25 con la possibilità, da parte dei locali, di ospitare clienti nel rispetto delle regole anti contagio. Ci sarebbe stata nella giornata di ieri, una nuova riunione convocata d’urgenza, dopo le immagini dello shopping natalizio in tutte le città italiane, da nord a sud senza distinzioni. Immagini che hanno fatto comprendere che forse, tra un mese, si tornerà punto e a capo.

Cosa succederà allora a Natale? Quali sono le ipotesi che attualmente si stanno vagliando? Scopriamole insieme.

Tutta Italia in zona rossa a Natale?

Al vaglio, come già anticipato, c’è la possibilità di considerare l’Italia intera in zona rossa o arancione nei festivi e prefestivi, quelli cioè più a alto rischio. L’unica eccezione concessa dal Governo potrebbe essere quella riguardante gli spostamenti tra i piccoli comuni che rimarrebbe concessa. Al momento sono davvero poche le regioni ancora in zona arancione e nell’Italia “gialla” le persone possono muoversi liberamente per gli acquisti. Proprio la possibilità di potersi muovere liberamente ha portato numerosi italiani a riversarsi nei centri delle varie città, nel weekend che ci siamo appena lasciati alle spalle, per cominciare a fare acquisti in vista del Natale. E proprio per questo, vista l’impossibilità di mantenere le distanze in presenza di centinaia e centinaia di persone per strada, avrebbe indotto al Governo a correre ai ripari con nuove misure restrittive.

Bar e ristoranti chiusi?

Tra le ipotesi attualmente plausibili, maggiori controlli e chiusure mirate limitando gli orari serali e la chiusura di bar e ristoranti che invece a oggi sapevano di poter restare aperti a pranzo. Tra le misure potrebbero esserci anche interventi mirati a evitare gli assembramenti nelle vie e nelle piazze dello shopping così come nelle zone centrali delle grandi città. Insomma potrebbero essere ore di novità e nuove restrizioni, in un momento di grande caos e con gli italiani che, a poco più di dieci giorni dal Natale, non sanno ancora bene cosa li aspetterà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.