Quali regioni rischiano di tornare rosse o arancioni dalla prossima settimana

regioni cambiano colore

Nel weekend è atteso un nuovo bollettino sui contagi da Coronavirus e molte regioni potrebbero cambiare colore, finendo nelle tanto temute zone rosse e arancioni ovvero quelle in cui sono più rigide le restrizioni. D’altronde le varianti del Covid stanno creando numerosi problemi di gestione, con i contagi aumentati in modo esponenziale nelle ultime settimane. Alcune regioni sono tornate rosse, altre potrebbero diventarlo a partire dalla prossima settimana. E ancora, alcune regioni ad oggi inserite in fascia gialla potrebbero invece dover fare i conti con un ritorno in zona arancione. Scopriamo quali sono le regioni che rischiano il cambio di colore dopo il nuovo monitoraggio. Come ormai noto, il venerdì saranno date indicazioni, in merito al cambio di colore. Le regioni passeranno nelle nuove zone dal lunedì successivo, in questo caso quindi, dall’8 marzo 2021.

Quali regioni rischiano di tornare rosse o arancioni?

Lazio, Calabria, Puglia e Veneto ad oggi sono gialle ma sono quelle che rischiano di più una retrocessione in zona arancione visto che l’Rt, ovvero il parametro preso in considerazione per l’assegnazione delle varie fasce, sta continuando a crescere. Dall’8 marzo quindi, queste regioni potrebbero cambiare colere. I contagi stanno infatti aumentando, lecito pensare allora che si provveda subito a restringere nuovamente il cerchio, optando per una chiusura più rigida nel tentativo di evitare assembramenti e contenere la curva dei contagi.

Dovrebbe restare bianca la Sardegna, unica regione appartenente alla nuova fascia inserita dal Governo per indicare le regioni che attualmente hanno un numero molto basso di contagi. Oltre alla Sardegna nessuna altra regione verrà promossa in bianco perché i numeri dei contagi sono alti in tutta Italia. Per cercare di stabilizzarsi in questa fascia il più a lungo possibile, il Governatore Solinas ha istituito il passaporto sanitario che entrerà in vigore da lunedì. Chi vuole entrare in Sardegna, dalla prossima settimana, dovrà dimostrare di avere fatto il vaccino o essersi sottoposto a tampone 48 ore prima dell’arrivo sull’isola.

Emilia Romagna, Campania, Abruzzo, Lombardia e Piemonte rischiano il rosso

Emilia Romagna, Campania, Abruzzo, Lombardia e Piemonte rischiano invece la zona rossa ovvero quella in cui ci si può muovere solo per lavoro, motivi di salute o motivazioni urgenti. Torna dunque l’autocertificazione e l’obbligo di spiegare il motivo che ci porta a uscire di casa. Ad oggi solo Basilicata e Molise sono in zona rossa, ma se i numeri verranno confermati nel monitoraggio di questo fine settimana, è molto probabile che l’elenco delle regioni rosse diventerà decisamente più nutrito. Sarà un weekend di cambiamento, purtroppo, perché la seconda ondata di Coronavirus sembra non avere intenzione di concedere tregua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.