La figlia di Ilenia Fabbri crede ancora a suo padre: le parole di Pomeriggio 5

E’ difficile davvero provare anche solo a comprendere cosa possa provare Arianna, la figlia di Ilenia Fabbri dopo che sua madre è stata barbaramente uccisa nella casa in cui vivevano. Ha perso la persona che amava, quella che avrebbe dovuto proteggerla sempre. E sapere che a distruggere la sua vita potrebbe esser stato suo padre, certamente non è una cosa che può aiutarla ad andare avanti. Quel 6 febbraio ha perso sua madre e un mese dopo anche suo padre, accusato di essere il mandante dell’omicidio di Ilenia. Ma Carlo Nanni respinge le accuse di Barbieri e racconta agli inquirenti che lo aveva pagato solo per spaventare la sua ex moglie ma non per ucciderla.

Da Pomeriggio 5 sappiamo che Arianna, la figlia di Claudio e Ilenia, sposa questa tesi. La ragazza, in contatto con la giornalista Cristina Battista, spiega quello che sta provando in questo momento drammatico.

Lo sfogo di Arianna Nanni da Pomeriggio 5

La figlia di Ilenia Fabbri spiega che sta male, che ha anche bisogno dei soldi perchè pur avendo un lavoro non può andarci in quanto non idonea dopo tutto quello che è successo. “Non ci vado perchè non ho le forze” dice alla giornalista di Pomeriggio 5. Dice anche che sta malissimo, pensa a sua madre che non c’è più e al padre finito in carcere. Vorrebbe andare a parlare con lui ma al momento non è possibile.

Nelle sue ultime dichiarazioni Arianna aveva detto che voleva credere alle parole del padre, alla sua versione dei fatti. Ma è chiaro che se anche avesse pagato un uomo per spaventare sua madre, sarebbe stato comunque un fatto grave. E Arianna commenta: “Non provo più niente per nessuno, provo dolore e basta”. Ribadisce che crede comunque alla sua versione: non pensa che suo padre abbia pagato una persona per uccidere Ilenia Fabbri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.