Scuola, ritorno in classe tra obbligo di vaccinazione e possibile DAD: le ultime news

Ritorno in classe tra obbligo di vaccinazione e possibile DAD: le ultime news

Si torna a parlare di vaccini e scuola e dell’importanza che studenti e personale scolastico siano sottoposti a vaccinazione per un ritorno in classe in tutta sicurezza. Il Commissario per l’emergenza, Francesco Figliuolo, torna su questo dibattuto tema con una nuova lettera indirizzata a tutte le regioni nella quale si sottolinea ancora una volta il bisogno di capire chi potrà eseguire il vaccino entro la fine di agosto e chi, per scelta o per obbligo, non sarà ancora essere vaccinato entro quella data.

L’obiettivo, stando alle dichiarazioni di Figliuolo, è quello di garantire un ritorno in classe per gli studenti e un abbandono totale (o quasi) della didattica a distanza che ha caratterizzato l’ultimo anno e mezzo di pandemia. Figliuolo si appella al senso di responsabilità di ognuno e si augura che per la fine di agosto buona parte del personale scolastico e gli stessi studenti siano sottoposti a vaccinazione.

Ritorno in classe tra obbligo di vaccinazione e possibile DAD: le ultime news

All’appello accorato di Figliuolo si unisce l’Anp, Associazione nazionale presidi, che spera in un obbligo di vaccinazione in ambito scolastico: “Bisogna andare oltre le ipotesi sul green pass a scuola. Per riaprire gli istituti in presenza e in totale sicurezza serve l’obbligo del vaccino per il personale scolastico. In questo modo non bisognerebbe applicare il distanziamento, che necessita invece della disponibilità di spazi“.

Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi, propone un diverso accesso all’istruzione per chi è vaccinato e chi no. Anche nei giorni scorsi, tra le tante ipotesi fatte, si è parlato di ritorno in classe per chi si è sottoposto a vaccino e didattica a distanza per chi invece non è vaccinato. Ipotesi che ha subito scatenato polemiche da parte di una parte politica che ha trovato discriminatorio un ragionamento di questo tipo per studenti e insegnanti.

Il capo dipartimento del Ministero dell’Istruzione, Stefano Versari, ha fatto infine il punto della situazione in una circolare indirizzata alle scuole nella quale si definiscono obiettivi e priorità in vista dell’autunno quando la variante delta potrebbe tornare a minacciare l’Italia e il mondo nonostante la campagna vaccinale anti Covid stia proseguendo: “In vista dell’avvio del prossimo anno scolastico l’obiettivo prioritario è quello di realizzare le condizioni atte ad assicurare la didattica in presenza a scuola, nelle aule, nei laboratori, nelle mense, nelle palestre, negli spazi di servizio, nei cortili e nei giardini all’aperto, in ogni altro ambiente scolastico“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.