Pippo Franco ha un green pass falso? Indagato il suo medico

Non è uno scherzo social e neppure una fake news. Da ore su Twitter è in tendenza il nome di Pippo Franco e il motivo è parecchio serio. Come saprete infatti, l’attore si è candidato nella lista di Michetti, al momento al ballottaggio per le elezioni amministrative di Roma. Ma il suo nome e quello del suo medico, sarebbero finiti in una inchiesta che vedrebbe coinvolte diverse persone. Una inchiesta nella quale si indaga sulla validità del green pass dell’attore: è possibile che abbia falsificato tramite il suo medico il certificato verde e che non sia in realtà vaccinato?  «Sui vaccini la penso come Montagnier. Ho il Green pass ma più di questo non voglio dire» aveva detto Pippo Franco nel programma L’aria che tira. Avere il green pass non significa essere vaccinati necessariamente, si può ottenere ogni due giorni con un tampone fatto in farmacia. Ma qui la questione sarebbe un’altra. L’attore infatti avrebbe un green pass derivato da una presunta presunta esenzione che non dovrebbe risultare. Sono queste le accuse che si fanno a lui e al suo medico, che avrebbe fornito i certificati per avere poi il green pass. Non tutti infatti sono “tenuti” a fare il vaccino, per via delle condizioni di salute precarie. Ci sono molti italiani che hanno ricevuto delle esenzioni e quindi un certificato verde che concede loro di poter fare quello che si farebbe con il vaccino.

Pippo Franco ha un green pass falso? Le accuse

L’attore è uno dei pazienti del medico di base del quartiere Appio-Tuscolano indagato dai carabinieri dei Nas con l’accusa di aver fornito ai suoi pazienti Green pass falsi. O meglio, di aver inserito nel sistema informatico regionale un centinaio di attestazioni non regolari, basate su esenzioni non dovuto o su attestazioni di immunizzazione per vaccini mai somministrati.

E’ bene precisare che al momento Pippo Franco non sarebbe stato iscritto nel registro degli indagati.  Il Fatto Quotidiano racconta oggi che Pippo Franco (non indagato) abita però nel quadrante nord della città, ben distante alla semiperiferia sud-est della zona Tuscolana dove invece il medico in questione ha la sua attività. Un fattore che ha insospettito non poco gli investigatori del Nas che hanno quindi iniziato a indagare ad ampio raggio.

I giornalisti del Fatto Quotidiano che stanno seguendo questa inchiesta, specificano di aver cercato di contattare l’attore per sentire la sua versione dei fatti. Pippo Franco non risulterebbe raggiungibile al telefono e non avrebbe risposto alle mail. Sui social invece, circola una vecchia foto di Pippo Franco con la didascalia “scettico ma vaccinato” che andrebbe quindi in contrasto con le “accuse mosse”, visto che si parla di un certificato con esenzione, non di un certificato falso e di una falsa vaccinazione. Una storia intricata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.