Incendio in ospedale in Senegal: morti 11 bambini appena nati

incendio senegal

Una vera e propria tragedia in Senegal, le ultime notizie sono quelle di un bilancio drammatico dopo i fatti di questa notte. Secondo quanto si apprende e secondo quanto riferiscono i media locali al momento, sarebbero almeno undici i neonati deceduti in ospedale. I piccoli sono morti a causa di un incendio divampato in un ospedale nella città di Tivaouane, nel Senegal occidentale. La notizia è stata confermata poco dopo i fatti con le parole del presidente senegalese sui social. Si teme purtroppo che nelle prossime ore il bilancio possa cambiare e il numero dei morti salire.

Senegal tragedia in ospedale: 11 neonati morti in un incendio

 Lo ha annunciato su Twitter il presidente del Paese, Macky Sall. “Ho appena appreso con dolore e sgomento della morte di 11 neonati nell’incendio del reparto neonatale dell’ospedale pubblico” ha scritto.

La tragedia è avvenuta all’ospedale Mame Abdou Aziz Sy Dabakh, nello snodo dei trasporti di Tivaouane, ed e’ stata causata da “un corto circuito”, secondo il politico senegalese Diop Sy. “Il fuoco si è diffuso molto rapidamente”, ha detto e anche per questo è stato più difficile domare le fiamme che hanno provocato la morte degli undici neonati.

Il sindaco della citta’ Demba Diop ha riferito che “tre bambini sono stati salvati”. Secondo i media locali, l’ospedale Mame Abdou Aziz Sy Dabakh è stato inaugurato di recente. Un incidente simile si era verificato nella città settentrionale di Linguere ad aprile, in quella occasione, a causa delle fiamme, erano morti invece 4 bambini. Il sindaco della città in quell’occasione aveva denunciato un guasto elettrico in un condizionatore d’aria nel reparto maternità. Nelle prossime ore si daranno maggiori dettagli sulle cause che hanno provocato l’incendio. Impossibile anche solo provare a immaginare il dolore delle famiglie coinvolte in questo drammatico evento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.