Rupert Murdock finisce nei guai: il suo giornale spia personaggi pubblici e privati

Rupert Murdock è finito nei guai: il suo giornale più letto al mondo, News of the World, è da ieri sotto accusa per avere spiato alcuni personaggi pubblici e privati inglesi. Tra i nomi troviamo anche quello dell’avvocato Mansfield, legale del miliardario egiziano Al Fayed, quello del principe Henry sorpreso ubriaco e vestito da nazista, ma non solo. Dicevamo che si tratta anche di personaggi privati: infatti tra le persone spiate c’è anche una ragazzina inglese vittima di una violenza sessuale. Le accuse sarebbero tutte fondate: i giornali di Murdock avrebbero per anni spiato cellulari, seguito gli spostamenti di personaggi famosi, senza farsi vedere o riconoscere. In particolare ci sarebbero due persone coinvolte più di tutto nella vicenda, responsabili del “reality show” ormai finito: si tratta di Rebekah Brown e Andy Coulson, ex giornalista e portavoce di David Cameron, arrestato questa mattina per spionaggio.

Rebekah Brown, all’epoca dei fatt, era la direttrice del tabloid più antico d’Inghilterra. Ora ha offerto le proprie dimissioni dalla carica di amministratore delegato di News International, dimissioni subito respinte dai Murdock, com’era prevedibile. Per chi non lo sapesse, il giornale al centro del ciclone, è il tabloid per eccellenza, oltre che essere il giornale in lingua inglese più letto al mondo con quasi 3,5 milioni di lettori. Insieme al Sun, che esce negli altri giorni della settimana (a sua volta secondo giornale di lingua inglese al mondo per numero di copie vendute), è la corazzata della News Corp di Murdoch. Il suo successo, sin dal 1843 si è basato sulla combinazione di notizie su scandali e celebrità e veri e propri scoop che hanno messo in gravi difficoltà personaggi famosi, ma anche istituzioni.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.