Libia ultime notizie, il bunker di Gheddafi è in mano ai ribelli

Libia ultime notizie-Cade l’ultima roccaforte del rais Muammar Gheddafi e Tripoli sembra ormai nelle mani dei ribelli. Ad annunciare e mostrare la gioia dei ribelli che hanno raggiunto il compound del colonnello, che adesso fuma di fronte all’avanzata delle forze liberali. Intanto si cerca il rais stanza per stanza, a riferirlo è l’emittente Al Arabiya, mentre altri corrispondenti, fra cui quello dell’Ansa, confermano la nuvola di fumo che si alza dall’ultima roccaforte del rais e colpi di arma da fuoco leggera e pesante intorno al bunker.

I megafoni annunciano che i ribelli sono entrati nell’ultima roccaforte di Gheddafi, che ormai sono riusciti a sconfiggere quello che era il loro tiranno. Al Jazira intanto, trasmette le immagini che provengono dalla capitale libica e che mostrano i ribelli festeggiare al di fuori del compound del colonnello.

Ma i ribelli continuano la ricerca del rais che oggi avrebbe parlato al telefono con un funzionario russo e avrebbe confermato la sua presenza a Tripoli, affermando che sarebbe rimasto per combattere i ribelli fino alla fine. Presagi di un combattimento che sembra non finire, almeno fino alla definitiva cattura di Gheddafi. Da questa mattina, infatti, si combatte in altre città, mentre arrivano dichiarazioni da parte di molti leader politici. Il nostro ministro degli Esteri, Frattini, in un’intervista a SkyTg24, ha afferamto che in queste ore molte persone vicine al rais, stanno passando alla parte opposta, oppure si stanno consegnando ai ribelli, tra questi ci sarebbe anche un “parente stretto” di Gheddafi.

La Nato, intanto, conferma la sua assoluta non volontà di non mandare, nemmeno in futuro, truppe sul terreno libico. Intanto gli ambasciatori rappresentanti delle forze della Nato, stanno discutendo sul ruolo che avrà la Nato una volta che le operazioni militari giungeranno a termine. A renderlo noto la portavoce dell’Alleanza Atlantica, Oana Lungescu, durante una conferenza stampa.

Teresa Corrado

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.