Ragazza diventa disabile a causa della pillola anticoncezionale

La storia che stiamo per raccontarvi oggi è una storia che arriva dalla Francia. Una donna di soli 25 anni, denuncia gli effetti devastanti della pillola anticoncezionale portando davanti ai giudici il gigante farmaceutico Bayer. Marion Larat, questo il nome della donna, oggi è disabile al 65%. Nel 2006 è rimasta vittima di un incidente vascolare carebrale:  quando Marion si è risvegliata dal coma non era più la stessa. La sua vita è cambiata per sempre. La ragazza aveva iniziato a prendere la pillola per combattere l’acne. La pillola in questione, in vendita in Francia, ha il nome di Meliane. Oggi la ragazza venticinquenne ha sporto denuncia presso il tribunale di Bobigny, vicino a Parigi, contro il laboratorio Bayer Santè per danni involontari alla sua integrità fisica. Il padre della ragazza dice che la figlia è viva per miracolo. Adesso la giovane 25enne soffre di emiplegia, afasia ed epilessia. È disabile al 65%. Solo nel 2010 ha scoperto che il suo ictus (e tutte le conseguenze che ne sono derivate) è stato dovuto alla pillola anticoncezionale che le era stata somministrata per combattere l’acne.

Il problema principale è che la ragazza francese è portatrice del fattore V di Leiden, una variante della proteina fattore V umana che aumenta il rischio di trombosi venosa: in questi casi l’utilizzo di contraccettivi orali è sconsigliatissimo. Ma «mai nessuno ha proposto a Marion di effettuare controlli sui fattori di coagulazione prima di prescriverle la pillola. Nè le sono mai stati chiesti gli antecedenti familiari», ha precisato il padre della giovane, Andrè Larat. I

Secondo le ultime notizie altre denunce alla Bayer, la casa farmaceutica che produce il contraccettivo, sarebbero state presentate in Canada, Australia, Svizzera e Germania.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.