Choc in Usa, 11enne spara e uccide una bimba di 8 anni


Choc in Usa dove un ragazzino di appena 11 anni prende la pistola del padre e spara alla vicina di casa, una bimba di appena 8 anni, uccidendola. E’ accaduto a White Pine, una piccola cittadina nell’est del Tennessee, e adesso tutto il quartiere è sotto choc. L’allarme è stato dato immediatamente ma quando i soccorritori sono arrivati sul posto per la piccola non c’era più niente da fare. Letale il colpo che l’ha colpita e che, appunto, è partito dalla mano di un ragazzino di appena 11 anni.


La Polizia sta indagando per ricostruire una vicenda che ha davvero dell’incredibile. Secondo le prime informazioni raccolte, l’undicenne avrebbe preso la pistola del padre e, dalla finestra di casa, avrebbe sparato contro la vicina, una bambina che stava tranquillamente giocando, ignara del destino beffardo che la stava attendendo. Adesso il ragazzino è stato arrestato e per lui l’accusa è quella di omicidio di primo grado. Sotto choc la famiglia della piccola vittima ma anche quella dell’undicenne che con un gesto folle si è rovinato la vita. Da capire il movente, ovvero il motivo per cui a 11 anni questo ragazzino ha pensato di uccidere la bambina vicina di casa. Ecco perché si sta cercando di fare luce anche sui rapporti che legavano i due bimbi, quasi coetanei ma comunque alle prese con periodi di vita differenti.

IN USA HANNO IL GRILLETTO FACILE? A GIUGNO, SPARI IN UNA CHIESA METODISTA AFROAMERICANA: 9 MORTI


A undici anni si comincia a guardare i più piccoli con occhi diversi e chissà che proprio questo aspetto abbia indotto il giovane a compiere un atto così scriteriato. Due famiglie rovinate con i familiari della piccola vittima di 8 anni che adesso chiedono a gran voce giustizia. Per il momento gli inquirenti non si sbilanciano e stanno continuando a raccogliere quante più informazioni possibili sulla vicenda, ascoltando anche i vicini che hanno sentito lo sparo che ha provocato la morte ella bambina.


Leggi altri articoli di Dal Mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close