Esplosione in metro a Londra Ultime Notizie: stazione evacuata, diversi feriti


Si teme che si possa trattare di un nuovo attentato. Il 15 settembre 2017 torna la paura a Londra quando sono circa le 9,30 del mattino. Un’esplosione si è verificata nella metropolitana di Londra, venerdì mattina, sulla District Line, alla fermata di Parsons Green, nella zona residenziale di Fulham. Panico tra i passeggeri. Testimoni parlano di persone con bruciature sul volto ed escoriazioni. La stazione è stata evacuata. Al momento, i media non riferiscono di persone morte. L’ordigno, come mostrano le prime foto arrivate sui social, era stato nascosto in un secchio, chiuso in una busta di un supermercato. Proprio per questo l’esplosione ha provocato anche diversi feriti che sono stati colpiti dalle schegge. Altre persone invece sono rimaste ferite nel tentativo di mettersi in fuga in seguito allo spavento per quello che stava succedendo. In rete arrivano già le prime immagini di questo ordigno esplosivo e i video delle persone che erano a bordo della metro e che in preda al panico hanno cercato di raggiungere la prima via di fuga. 

ESPLOSIONE A LONDRA ULTIME NOTIZIE 15 SETTEMBRE 2017: PAURA IN METROPOLITANA

Secondo le prime informazioni, nei vagoni posteriori del treno sarebbe esploso un ordigno rudimentale, contenuto in un secchio di plastica, riempiendo di fumo il vagone. Una foto circolata su Twitter poco dopo l’esplosione mostra un secchio bianco, in un sacco della Lidl, con del fuoco. Un utente del social, Rigs, ha twittato: «Esplosione a Parsons Green, su un treno della District line. Una palla di fuoco è volata per la carrozza e siamo saltati fuori dalle porte aperte».


Per il momento non si parla ancora di attentato, potrebbe essere anche l’opera di un folle. Saranno sicuramente molto utili le telecamere presenti sulla linea della metropolitana che permetteranno di capire chi ha portato il secchio con l’ordigno nel vagone della metro e quelle che erano le sue reali intenzioni. 


Leggi altri articoli di Dal Mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close