Tragedia per Bode Miller: è morta la figlia dello sciatore, annegata a soli 19 mesi

bode miller

Aveva solo 19 mesi la figlia di Bode Miller, la piccola è morta annegata in piscina trascinando lo sciatore e tutta la famiglia nel dolore più devastante. Tutto è accaduto domenica scorsa, la notizia è stata resta nota solo adesso ed è stato il campione statunitense di sci Bode Miller a scrivere su Instagram ciò che la vita ha tolto a lui e a sua moglie Morgan in un attimo. La coppia era ospite a casa di un vicino, c’era una festa, poi l’allegria si è trasformata in tragedia. Appena hanno trovato la piccola Emeline Gier hanno subito chiamato i soccorsi ma era ormai troppo tardi, tutto è stato inutile. A raccontare quei minuti, il tentativo di salvare la figlia di Miller, è il capitano dei vigili del fuoco Tony Bommarito. La figlia di Bode è morta ieri all’ospedale di Orange County dopo 24 ore di disperazione e attesa. In base a una prima ricostruzione la bimba sarebbe sfuggita solo per pochi attimi al controllo dei genitori ma sono bastati per il dramma.

ANNEGATA IN PISCINA LA FIGLIA DI BODE MILLER – TRAGEDIA PER LO SCIATORE AMERICANO

Bode Miller sul suo profilo Instagram ha trovato la forza di scrivere poche parole: “Siamo più che devastati, la nostra bimba Emmy è morta. Mai nella vita avrei potuto pensare di provare un dolore simile”. Nessun genitore dovrebbe mai pronunciare frasi come queste che non trovano nessuna spiegazione. La polizia ha aperto un’inchiesta, un atto dovuto ma sembra chiara la dinamica dell’incidente.

Miller è stato lo sciatore che ha vinto più volte nella storia degli Stati Uniti, ben 33 vittorie in Coppa del Mondo, sei medaglie olimpiche, quattro ori mondiali. Il suo ritiro ufficiale solo qualche mese fa. Adesso Bode chiede solo che venga rispettato il loro dolore. Il campione e Morgan sono sposati dal 2012 e in attesa del terzo figlio. Hanno già un altro bambino, Edward. Miller è anche papà di altri due figli nati dal precedente matrimonio. Nessuno potrà mai sostituire la piccola Emeline e niente far dimenticare la tragedia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.