Lo sciopero Ryanair più grande di sempre: cancellati 600 voli in due giorni

Ryanair fa sciopero e vengono cancellati 600 voli in due giorni. Le cancellazioni riguardano i voli da e per Spagna, Belgio e Portogallo. La compagnia assicura ai 100mila passeggeri che potranno scegliere tra un risarcimento e un altro volo. Lo sciopero è stato indetto dal personale di cabina mercoledì 25 e giovedì 26 luglio. Ora le vacanze per tutti coloro che avevano già prenotato il volo sono chiaramente a rischio. Tutti, però, verranno avvisati attraverso mail o sms. Si parla di uno degli scioperi più grandi di sempre.

SCIOPERO RYANAIR, 600 VOLI CANCELLATI ULTIME NOTIZIE: I MOTIVI E LA RISPOSTA DELLA COMPAGNIA IRLANDESE

Nuovo sciopero per Ryanair indetto dal personale di cabina per il 26 e il 27 luglio, attraverso il quale sono stati cancellati 600 voli in due giorni. La compagnia aerea low cost irlandese ha, però, rassicurato i 100mila passeggeri che avevano in programma di viaggiare da e verso il Belgio, la Spagna e il Portogallo. Ryanair ha dichiarato di aver già contattato con mail e sms tutti i clienti interessati. Tutti gli altri viaggeranno regolarmente. Per la compagnia si tratta del più grande sciopero di sempre.

In particolare, i rappresentanti del personale hanno rivelato che non è stato fatto alcun progresso da parte della compagnia dallo scorso dicembre, durante il quale i sindacati di diversi paesi d’Europa avevano scelto di scioperare prima delle vacanze di Natale. Scendendo nel dettaglio, il personale chiede un miglioramento delle condizioni economiche, della sicurezza e della cultura del posto di lavoro. I lavoratori si lamentano di dover pagare l’acqua potabile durante il lavoro e di dover descrivere per iscritto i propri sintomi quando restano a casa malati. Al momento il personale non ha ancora ricevuto risposta da parte della compagnia e così ha deciso di indire lo sciopero.

Nel frattempo, però, la compagnia irlandese dichiara che questi scioperi sono ingiustificati e l’unico risultato che riuscirà a ottenere il personale sarà quello di rovinare le vacanze ai passeggeri che avevano già prenotato. Inoltre, Ryanair difende le sue politiche di retribuzione e tutela del lavoratore, che sono state giudicate adeguate. Un altro ciclo di scioperi dei piloti è, invece, iniziato giovedì 12 luglio e continuerà anche oggi e domani. Infatti, la compagnia è stata costretta a cancellare 74 voli tra Regno Unito, Grecia, Francia e Germani. Probabilmente domani ne cancellerà altri 24 per mancanza di personale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.