MotoGp Assen 2011, Jorge Lorenzo sgrida Marco Simoncelli (video)

La polemica non sembra proprio voler cessare. Anche dopo il Gran Premio di Assen della MotoGp 2011 Jorge Lorenzo  ha qualcosa da dire a Marco Simoncelli. Il campione del mondo è stato penalizzato sin dal primo giro quando Simoncelli, partito dalla pole, ha dato troppo gas forse alla sua moto finendo fuori pista. Peccato però che nella caduta è stato coinvolto anche Lorenzo che non ha potuto fare a meno di evitare la moto del pilota italiano. Subito dopo la gara il numero 1 della Moto Gp intervistato dai giornalisti italiani non ha perso l’occasione di lanciare il suo messaggio al “rivale”. Questa volta è vero, non è stato un gesto volontario ma di certo si poteva evitare, si sfoga così Lorenzo ai microfoni dei giornalisti Mediaset ( alla fine dell’articolo troverete il video).

MotoGp Assen 2011: ennesima caduta di Simoncelli coinvolge ancora una volta Jorge Lorenzo

Ormai sembra un appuntamento necessario quello della polemica finale tra i due piloti. Questa volta però è successo qualcosa di diverso, non c’è la volontà ma resta comunque l’errore. Non si può scegliere di guidare in quel modo al primo giro, spiega Lorenzo riferendosi alla partenza di Simoncelli. Va bene tutto, nessuno dice che si sia trattato di un colpo basso volontario, lo hanno visto tutti che si è trattato di un errore involontario, ma visti quelli passati bisognerebbe imparare. Sarebbe il caso di evitare questo genere di cadute che fanno male a chi invece avrebbe anche potuto vincere la gara: è questa l’idea del campione del mondo. Perdere tutti quei punti per l’ennesima distrazione di Simoncelli non va bene e lo sfogo di Lorenzo non tarda ad arrivare.

Avrà imparato la lezione?

Ecco il video dell’intervista di Lorenza: Jorge Lorenzo sgrida Simoncelli dopo la gara di Assen-Video

One response to “MotoGp Assen 2011, Jorge Lorenzo sgrida Marco Simoncelli (video)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.