Mauro Bellugi colpito dal covid 19: gambe amputate ma non perde il sorriso

Mentre ci sono migliaia di persone che vanno ancora in giro senza mascherina e si lamentano, non credendo che il virus esista, negli ospedali continuano ad arrivare pazienti colpiti dal maledetto covid 19. E le storie da raccontare sarebbero davvero tante. Oggi ad esempio è arrivata alla ribalta della cronaca quella dell’ex calciatore dell’Inter Mauro Bellugi . Oltre a essere un grande campione, Bellugi è anche un volto televisivo, appassionato di calcio e di telecronache. Purtroppo anche lui è stato colpito dal covid 19 e le conseguenze sono state davvero importanti. L’ex calciatore infatti, ha subìto l’amputazione di entrambe le gambe.

A raccontarlo è stato lui stesso, 70 anni, in una video-intervista su altropensiero.net. «Mi ha tolto anche la gamba con cui feci gol al Borussia Mönchengladbach. Prenderò quelle di Pistorius…», queste le sue parole. Per fortuna, nonostante il dramma che sta vivendo, non ha perso il sorriso. E’ stata la moglie di Bellugi a raccontare che dopo l’intervento non si è demoralizzato ma ha subito cercato su internet le protesi da comprare per tornare a camminare il prima possibile.

Mauro Bellugi ha perso le gambe dopo il covid 19

Le sue condizioni, dopo il ricovero in ospedale il 4 novembre, si sono aggravate fino a richiedere l’intervento d’urgenza a causa delle complicanze. 

I più giovani forse lo conoscono solo per la sua simpatia e per le sue telecronache in tv. Ma i meno giovani lo ricordano anche come campione. Bellugi è stato un difensore anche della Nazionale (con 32 presenze tra il 1974 e il 1980). E dal mondo del pallone non è mai voluto uscire, visto che negli ultimi anni è spesso stato ospite di trasmissioni televisive sul calcio.

Non possiamo che fargli un grande in bocca al lupo. Sarà un percorso in salita ma alle sfide non si girano mai le spalle!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.