Melzo, riprese le ricerche della 21enne scomparsa: spunta un testimone


Melzo, riprese le ricerche della 21enne scomparsa: spunta un testimone

Melzo, sono riprese le ricerche della 21enne Sara Luciani, scomparsa da casa venerdì sera, 8 giugno 2018, dopo essere uscita in auto con il fidanzato, Manuel Buzzini. Il 31enne è stato trovato suicida sabato mattina nel cortile della casa in cui viveva insieme alla nonna. Ora i sommozzatori dei vigili del fuoco e i carabinieri di Cassano d’Adda e Melzo (Milano) hanno ripreso le ricerche, che si concentreranno sulla zona vicino al canale Muzzo. Qui è stato trovato il paraurti dell’auto usata dalla coppia. Buzzini è stato trovato impiccato e con i vestiti bagnati, ma non ha lasciato alcun biglietto prima di morire. Nel frattempo, gli investigatori stanno anche proseguendo con gli accertamenti tra gli amici della coppia. Ora spunta un testimone che offre agli inquirenti un dettaglio importante.

MELZO, RIPRESE LE RICHERCHE DI SARA LUCIANI, LA 21ENNE SCOMPARSA ULTIME NOTIZIE: UN TESTIMONE RIVELA UN DETTAGLIO IMPORTANTE

A Melzo, sono riprese le ricerche di Sara Luciani, scomparsa da venerdì sera. Per ora si pensa a un omicidio-suicidio, ma vi è anche l’ipotesi di un incidente, dopo il quale Buzzani si sarebbe tolto la vita. Con il passare delle ore le speranze di ritrovare viva la 21enne sono diventate poche, quasi spente. Un testimone ha rivelato ai carabinieri della compagnia di Cassano d’Adda di aver visto la giovane salire sull’auto guidata dal 31enne.

Ha aggiunto di aver notato un braccio sporgere dal lato del passeggero anteriore. Non c’è ancora nessuna conferma, ma nel caso arrivasse, questo significherebbe che nella Golf c’era anche un’altra persona. Per ora nessuno pare manchi all’appello tra gli amici della coppia.

Le persone che sono state ascoltate dagli investigatori hanno affermato che Sara e Manuel erano una coppia molto affiatata, forse un po’ troppo. Questo dettaglio lascia intendere che il loro era un rapporto quasi morboso. Al momento non si esclude che entrambi abbiano scelto di togliersi la vita, ma per ora l’ipotesi più accreditata resta quella di omicidio-suicidio. Nessuno però parla di una coppia che aveva dei problemi sentimentali, di litigi o di qualcosa di simile. Per questo motivo non si comprende quello che possa essere successo. 

Sappiamo la sera di venerdì 8 giugno, Sara e Manuel sono usciti con la macchina, una Golf. Dopo di che, di loro si sono perse le tracce. Non vedendoli rientrare, i genitori della 21enne hanno dato l’allarme e poi è stato scoperto il corpo di Buzzini. L’operaio 31enne è passato a prendere Sara intorno alle ore 22 e le telecamere hanno registrato l’auto passare nel centro di Cassano, qualche minuto prima dell’una. Dalle prime ricostruzioni pare che Buzzini abbia ucciso la 21enne e poi abbia spinto la sua Golf in un canale artificiale che attraversa Milano, Lodi e Cremona. Poi sarebbe tornato a casa a piedi. Nel frattempo, una telecamera l’ha ripreso intorno alle ore 4, mentre scavalcava il cancello dell’abitazione della nonna. Proprio la donna ha trovato il nipote impiccato, la mattina seguente. Non ha lasciato alcun biglietto per spiegare il suo gesto e questo rende ancora più difficile la ricerca di Sara Luciani a Melzo.

Melzo, riprese le ricerche della 21enne scomparsa: spunta un testimone ultima modifica: 2018-06-12T11:40:20+00:00 da rebecca

Leggi altri articoli di Persone Scomparse

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.:03370960795 - iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

 

Close