La scomparsa di Samira: una donna vide il marito seppellire qualcosa in giardino

Sarebbe stata determinante, nella storia di Samira e nella riapertura delle indagini per cercare di fare luce su questa vicenda, la testimonianza di una donna che avrebbe visto qualcosa di molto strano nel guardino di casa del Caruso. Se n’è parlato anche nella puntata di Chi l’ha visto in onda il 17 aprile 2019. Nel corso della trasmissione, uno dei giornalisti che segue questa vicenda da tempo. Pare che una donna, qualche tempo fa, in punto di morte aveva voluto confessarsi e raccontare al prete una cosa molto strana che aveva visto. Secondo le parole di questa donna, Salvatore stana nascondendo o forse seppellendo, nel suo giardino, qualcosa. Un sacco della spazzatura? Il prete disse quindi a questa signora che doveva raccontare quello che aveva visto alle forze dell’ordine e pare che la donna lo fece. Ma, secondo quella che è la ricostruzione di questa vicenda, i Carabinieri presero solo un appunto della vicenda, non potendo verbalizzare, forse in seguito alla morte della donna, le sue parole. Da questo appunto parte la nuova indagine: si cerca Samira Sbiaa nel giardino di Caruso. L’uomo è convinto che le forze dell’ordine stiano solo perdendo nel tempo ma in realtà le nuove indagini, hanno portato a delle clamorose novità.

LA SCOMPARSA DI SAMIRA ULTIME NOTIZIE: UNA TESTIMONIANZA CHOC

Nel giardino di Caruso infatti, sono state ritrovate delle ossa umane. Non si sa ancora a chi appartengano ma pare essere chiaro che siano state di una persona e non di un animale. Inoltre sempre nel giardino, è stata anche ritrovata una scarpa da donna. La famiglia di Samira si è sempre battuta per queste indagini, sostenendo che la donna non aveva mai lasciato la casa di Caruso e che invece fosse stata in qualche modo segregata dall’uomo. Tenuta prigioniera e poi uccisa o morta di stenti. La famiglia ha inoltre rivelato che in casa c’era una sorta di camera segreta dentro la quale Samira non poteva entrare.

Le indagini vanno avanti e forse, a 17 anni di distanza, la famiglia di Samira avrà la sua verità e la donna potrà riposare in pace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.