Mario Bozzoli ultime notizie, i nipoti si difendono: “é scappato, non lo abbiamo ucciso noi”

Per chi indaga non ci sono dubbi: Mario Bozzoli è stato ucciso fuori o dentro la fabbrica di Marcheno. E a ucciderlo sarebbero stati i suoi nipoti, i figli di suo fratello. Il movente di natura economica: Bozzoli si sarebbe accorto di alcuni imbrogli che i suoi nipoti stavano facendo per aprire una fonderia tutta loro e avrebbe deciso di denunciare la cosa. Ma Giacomo e Alex Bozzoli si difendono: non hanno fatto del male a Mario, non hanno nulla a che fare con la sua morte. Per i due giovani imprenditori, Mario, se ne sarebbe andato da Marcheno. Avrebbe lasciato i suoi adorati figli e sua moglie. Di questo Alex e Giacomo non hanno dubbi: litigava sempre con sua moglie, questo sarebbe il motivo di una fuga, magari con la sua amante.

IL GIALLO DI MARCHENO: LE ULTIME NOTIZIE SULLA MISTERIOSA SCOMPARSA DI MARIO BOZZOLI

Sul numero di Giallo in edicola questa settimana, si possono leggere le parole dei due nipoti di Mario, agli investigatori:

Noi amavamo nostro zio. Ci ha insegnato e dato un lavoro! Se abbiamo questa vita agiata lo dobbiamo solo a lui e a nostro padre, non lo avremmo mai ucciso. Ma se l’hanno ammazzato… Giuseppe Ghirardini, l’operaio morto avvelenato, aveva litigato con lui. Lo zio voleva licenziarlo. Ma è poi morto davvero Mario? E se fosse ai Caraibi? Il suo matrimonio non andava poi così bene…”.

A pronunciare queste sconvolgenti parole sono stati Giacomo e Alex Bozzoli, i nipoti di Mario Bozzoli, l’imprenditore dell’acciaio scomparso l’8 ottobre del 2015 nella sua fonderia di Marcheno, in provincia di Brescia. da quel giorno la moglie di Mario si batte per cercare la verità su questa vicenda, sull’assurda scomparsa di suo marito. Per chi indaga però non ci sono dubbi: sono stati Alex e Giacomo a uccidere Mario e ne hanno poi occultato il cadavere.

Con loro sono accusati di favoreggiamento gli operai presenti in ditta quella sera, Oscar Maggi e il senegalese Aboagye Akwasi detto “Abu”. Nel corso di questi anni di indagine, gli inquirenti hanno raccolto diverse prove, incluse anche delle testimonianze, che dovrebbero servire a dimostrare la colpevolezza dei due uomini. Alex e Giacomo avrebbero ucciso Mario Bozzoli probabilmente con una pistola ( pare che uno dei due cugini ne avesse cercato una sul mercato nero). Poi lo avrebbero messo in un sacco e lo avrebbero portato fuori dalla fabbrica senza che nessuno si accorgesse dei loro movimenti e senza lasciare tracce.

A completare il quadro anche la testimonianza di Jennifer, l’ex ragazza di Giacomo che ha testimoniato contro il giovane Bozzoli dicendo anche che più volte, l’uomo, le aveva detto che avrebbe ucciso suo zio tanto l’odio che provava verso di lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.