La scomparsa di Samira, le ultime notizie da Verona: Mohamed minaccia di togliersi la vita


Nella puntata di Storie Italiane in onda il 3 marzo 2020, Barbara di Palma ha dato le ultime notizie sul giallo della scomparsa di Samira. Le indagini vanno avanti, anche se la provincia di Padova è stata colpita dall’emergenza coronavirus, si cerca ancora Samira e si cerca di capire cosa sia potuto succedere alla donna; si cerca di capire se Mohamed l’ha davvero uccisa e in questo caso, cosa abbia fatto del suo cadavere. Il marito della donna marocchina scomparsa da Stanghella il 21 ottobre del 2019, resta in carcere con l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere ma continua a proclamarsi innocente.

Dice di non aver nulla a che fare con la scomparsa di sua moglie. Non solo, secondo quanto racconta l’inviata del programma di Rai 1, Mohamed, dopo esser stato trasferito dal carcere di Rovigo a quello di Verona, avrebbe minacciato di togliersi la vita pur di dimostrare la sua innocenza.

SAMIRA ULTIME NOTIZIE: OLTRE 130 GIORNI SENZA TRACCE DELLA DONNA

Ma è davvero possibile che Samira sia ancora viva o che sia stata presa da qualcun altro? Le forze dell’ordine sembrano non credere alla pista dell’allontanamento volontario e puntano su Mohamed, che potrebbe essere il solo colpevole. L’uomo però si proclama, a oltre un mese e mezzo dal suo arresto, ancora innocente. In carcere mangia poco e continua a ribadire di non aver fatto del male a sua moglie.

Barbara di Palma nella puntata di Storie Italiane di oggi, ha spiegato che Mohamed sembra essere convinto che sia stato ordito un complotto contro di lui, ma da chi e perchè?

Nel frattempo i giorni passano e c’è una bambina di quattro anni che continua a vivere senza sua madre, con una nonna che ha dovuto lasciare il suo paese per arrivare in Italia e prendersi cura di lei, e senza un padre che per oltre due mesi era stato la sua unica figura parentale di riferimento.

Leggi altri articoli di Persone Scomparse

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close