Federico Lugato scomparso nel nulla: primo appello della moglie a Chi l’ha visto

Stenta a credere che suo marito si possa essere allontanato in modo volontario ed è per questo che continua a lanciare appelli e a chiedere aiuto. La moglie di Federico Lugato non ha dubbi: deve per forza essergli successo qualcosa. Nella puntata di Chi l’ha visto in onda ieri, 8 settembre 2021, la moglie di Federico racconta quello che è successo poche ore prima che il ragazzo scomparisse nel nulla. Le aveva detto che sarebbe tornato per pranzo, la aveva lasciato anche la mappa del percorso che avrebbe fatto in montagna, in modo che sapesse dove si trovava. Lugato è scomparso giovedì 26 agosto a Pralongo (Val di Zoldo, Belluno) dopo aver parcheggiato la sua macchina all’inizio del sentiero.

La moglie di Federico spiega che non c’era nessun motivo che potesse spingere Federico ad andare via. Ed è convinta che si trovi in quel sentiero, magari in un tratto diverso. Ma chi ha setacciato metro per metro il percorso che dalla valle porta al rifugio ( che a piedi si fa in circa 3-5 ore, in base all’allenamento che si ha), dubita che il milanese possa essere in quel posto. Volontari, cani, elicotteri: è stato impiegato ogni mezzo per cercare Federico Lugato. Per questo motivo, sua moglie lancia un altro appello.

Federico Lugato ultime notizie: controllare foto e video di quel giorno

La moglie di Federico, che non è tornata a Milano, dove viveva con lui, ma che resta a Belluno, per cercare di essere utile nelle ricerche, fa un altro appello. Il 26 agosto la valle era piena di turisti, ed è anche per questo che stenta a credere che nessuno abbia visto o sentito nulla. E allora chiede a tutte le persone che quel giorno hanno fatto la passeggiata, di controllare le foto scattate e i video fatti. Potrebbe essere tutto utile per capire se Federico stava passeggiando, se era da solo, se ha incontrato qualcuno. Per verificare che realmente stesse facendo quella passeggiata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.