Le lacrime della ministra Bellanova in diretta: “Da oggi gli invisibili saranno meno invisibili”

Qualche mese fa la ministra Bellanova era finita nel mirino degli haters, per le sue scelte di look, perchè forse aveva osato con un abito troppo vivace il giorno del giuramento. Offese e insulti che la Bellanova aveva digerito, perchè di fronte a quello che ha passato nella sua vita, piena di ostacoli, non erano davvero nulla. Oggi è una ministra del Governo, capace, professionale, che mette passione in quello che fa, perchè sa, quello di cui parla. Dal caporalato allo sfruttamento: la Bellanova non ci sta e lotta per far si che in Italia tutto questo non debba più succedere. Nella conferenza stampa di questa sera, in diretta, davanti a milioni di italiani, la Bellanova si è commossa. Lacrime di passione, lacrime di chi oggi può fare qualcosa, sapendo quanta sofferenza c’è, quanto si lotta per ottenere diritti che dovrebbero essere garantiti.

TERESA BELLANOVA SI COMMUOVE NEL SUO DISCORSO PASSIONALE

Le parole della ministra che si è commossa parlando di una cosa per cui ha tanto lottato, una cosa che fa parte della sua storia: “Voglio sottolineare un punto per me fondamentale, l’emersione dei rapporti di lavoro. Da oggi gli invisibili saranno meno invisibili. Quelli che sono stati sfruttati potranno accedere a un permesso di soggiorno per lavoro.”

Quelli che sono stati brutalmente sfruttati nelle campagne e nelle false cooperative, dove venivano date in prestito persone per lavorare come badanti e come colf non saranno più invisibili, potranno accedere ad un permesso di soggiorno per lavoro e riconquisteranno la loro dignità“, ha detto. “Abbiamo fatto una scelta chiara, voglio ringraziare il presidente Conte e la ministra Lamorgese per aver portato in porto questa scelta: da oggi possiamo dire che vince lo Stato, che lo Stato è più forte della criminalità e del caporalato ha concluso la ministra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.