La rivoluzione dei Forconi: lo sfogo dei siciliani su Facebook

Che cosa sta succedendo in Sicilia? Che cos’è la rivoluzione dei forconi? In tv nessuno ne parla fatta eccezione per qualche tg regionale e reti private. Dove non arrivano i media tradizionali arriva però Internet, arrivano i Social network. Gli autotrasportatori in Sicilia vogliono far sentire la loro voce e stanno mettendo in ginocchio una regione. Probabilmente anche se in tv nessuno ne parla lì ai piani alti sanno quello che sta succedendo. Noi vogliamo condividere con i lettori alcuni commenti e alcune considerazioni che delle amiche siciliane ci hanno lasciato su Facebook. Dai loro racconti, più che dalle nostre parole, capirete quello che a Sicilia sta vivendo nelle ultime ore.

“Io sono siciliana, di Palermo per l’esattezza, qua è tutto paralizzato! nelle ore di punta vengono bloccati dai tir i punti nevralgici della città che solitamente sono molto trafficati..i supermercati sono stati praticamente saccheggiati ..gli scaffali sono vuoti..non arriva nulla..il commercio è bloccato! tutte le pompe di benzina sono chiuse perchè dal momento in cui è dilagata la notizia tutti sono corsi a rifornirsi e non hanno più disponibilità di benzina e gasolio..questi scioperi stanno creando parecchi disagi nonostante io sia d’accordo con la protesta perchè al sud siamo totalmente dimenticati e stiamo letteralmente facendo la fame!”

Antonella ci scrive: “In fondo è vero, la Sicilia è l’ultima regione dell’Italia per importanza, e ciò che sta accadendo in questi giorni,ne è la dimostrazione palese.Due, tre parole in qualche tg,ma la situazione evidentemente non fa notizia,ma per noi che siamo qui, e che la viviamo ci fa davvero paura.L’ingresso della città di Palermo è bloccata dai manifestanti,i benzinai sono tutti in sciopero e non si trova piu neanche una “goccia” di benzina, i supermercati cominciano ad avere gli scaffali semivuoti,ed in giro si vede pochissima gente per limitare l’uso delle auto,e tutto questo alla fine per non essere nemmeno presi in considerazione.La situazione è portata all’esasperazione e non trovarne riscontro neanche facendo parlare due o tre persone in tv in modo da affrotare e studiare il problema o quanto meno tenerlo in considerazione fa male.
All’università quando studi diritto tengono molto agli articoli della Costituzione,ma oggi come oggi non so ke importanza dare o che significato attribuire al Art. 1:

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.
SOVRANITA’????GIA’ SAREBBE TANTO ESSERE CONSIDERATI!!!!!
E poi non parliamo di……
Art. 3

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Art. 4

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.

Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

Lavoro???????Ma di cosa stiamo parlando che oramai l’unico scopo del nostro Stato è solo quello di colpire quei soli che riescono ancora ad avere uno stipendio,non capendo che l’unico modo per evitare l’evasione fiscale,e rimettere in moto l’economia potrebbe solo essere creare LAVORO!!!!!!!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.