Arrestato Don Michele Barone dopo il servizio de Le Iene sulla storia della piccola Giada


Arrestato Don Michele Barone dopo il servizio de Le Iene sulla storia della piccola Giada

La settimana scorsa vi avevamo raccontato, dopo aver visto un servizio choc a Le Iene, la storia di Giada, legata a Don Michele Barone, un sacerdote che stava seguendo la piccola dopo che la famiglia aveva chiesto il suo aiuto. A Le Iene però si era rivolta la sorella della minore per chiedere aiuto denunciando una situazione drammatica: la sua sorellina viveva segregata in casa con i suoi genitori e con visite e pseudo esorcismi di Don Michele Barone che costringeva la bambina a mangiare solo latte e biscotti. Oggi una notizia clamorosa in merito a quello che è successo dopo il servizio de Le Iene: è stato arrestato don Michele Barone, autore, appunto, di presunti esorcismi sulla bambina di 13 anni  protagonista, suo malgrado, del servizio di Gaetano Pecoraro andato in onda la settimana scorsa nel programma Le Iene di Italia 1.

SVOLTA NEL CASO DELLA PICCOLA GIADA LA BAMBINA SEGREGATA IN CASA: DON MICHELE BARONE E’ STATO ARRESTATO DOPO IL SERVIZIO DE LE IENE

Precisiamo che la bambina non si chiama davvero Giada ma questo è il nome di fantasia che nel servizio de Le Iene è stato dato alla piccola anche per tutelare la sua identità, trattandosi di una minore.

Dopo essere stato sospeso, in seguito alla messa in onda del nostro servizio, ora la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ha chiesto ed ottenuto l’arresto del sacerdote. Mentre don Michele si trova in carcere, i genitori sono agli arresti domiciliari, come anche il poliziotto Schettino, che avrebbe provato a frenare le indagini.

Dopo il servizio de Le Iene però, sarebbero arrivate anche altre testimonianze di fronte alle quali le forze dell’ordine non hanno potuto fare altro che intervenire, anche se, lo ricordiamo, come succede in questi casi, solo dopo il processo e i tre gradi di giudizio si potrà avere un verdetto definitivo.

Il caso non riguarderebbe solo la ragazzina di cui vi abbiamo raccontato, ma numerose altre donne. Secondo la Procura, infatti, don Michele Barone avrebbe generato “nelle giovani donne la convinzione di essere possedute dal demonio”, sottoponendole “a trattamenti disumani e profondamente lesivi della loro integrità fisicopsichica, nonché della loro dignità”. Inoltre, le vittime sarebbero state costrette a subire numerosi atti sessuali contro la loro volontà.

La storia raccontata a Le Iene partiva dalla denuncia di una ragazza coraggiosa che ha scelto di andare contro tutti e tutto pur di provare a salvare la vita della sua piccola sorellina che avrebbe avuto bisogno solo di cure mediche. I genitori però si sono lasciati guidare da Don Michele, non dando più le cure mediche alla bambina che oltre a essere diventata anoressica, come testimoniano anche i tanti video che sua sorella ha registrato, ha molti problemi di salute e ovviamente anche problemi mentali per tutto quello che ha dovuto subire in questi mesi. 

Arrestato Don Michele Barone dopo il servizio de Le Iene sulla storia della piccola Giada ultima modifica: 2018-02-23T18:27:41+00:00 da procopiofilomena

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.:03370960795 - iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

 

Close