Choc a Lecco: strangola i suoi due figli e poi si uccide per vendicarsi di sua moglie


E’ una notizia tremenda quella che arriva in questo sabato di inizio estate dalla provincia di Lecco. Un uomo ha ucciso i suoi due figli e poi si è tolto la vita. Non avrebbe voluto il divorzio, voleva che in qualche modo sua moglie pagasse per la separazione e le ha tolto la due cose per le più importanti, i figli. Dopo averli uccisi, pare strangolandoli, si è tolto la vita gettandosi sotto un cavalcavia. Sotto choc la piccola comunità in provincia di Lecco dove i bambini vivevano. I fatti sono accaduti a Margno, l’uomo, un uomo di Milano, era in villeggiatura con i bambini e ha scelto questa occasione per ucciderli.

UCCIDE I DUE FIGLI STRANGOLANDOLI POI SI TOGLIE LA VITA: LE ULTIME NOTIZIE

 La notizie al momento sono ancora confuse e le forze dell’ordine stanno cercando di mettere insieme i tasselli. A trovare i figli senza vita sarebbe stata la madre, arrivata da Milano disperata dopo aver ricevuto un messaggio dal marito che le diceva: “Non rivedrai mai più i tuoi figli”. Sembra che il padre, dopo avere ucciso i due ragazzini, si sia tolto la vita gettandosi dall’altissimo ponte della Vittoria a Maggio di Cremeno, poco lontano dal luogo del duplice omicidio. La donna ha guidato fino al luogo in cui il suo ex marito si trovava con i figli ma quando è arrivata, non c’era più nulla da fare. I bambini, che dovrebbero avere sei e dodici anni, erano morti.

 Sabato, intorno alle 3 di notte, Bressi ha pubblicato sui social delle immagini sue e dei bambini sorridenti in montagna, scrivendo: “Con i miei ragazzi, sempre insieme”. Era da tempo che non pubblicava nulla sui social, forse anche questo, era un messaggio per sua moglie, un tragico messaggi di addio. Poco dopo la pubblicazione dei post, è avvenuto il ritrovamento dei corpi.

Secondo altre fonti i bambini uccisi erano gemelli e avevano 12 anni. Nella foto postata, i bambini sorridono.

Leggi altri articoli di Ultimissime

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close