La Gioconda, qual è il mistero che nasconde?

La Gioconda di Leonardo continua a suscitare curiosità e mistero, e di conseguenza a far parlare di sé attraverso dibattiti che sono quasi al limite della fiction. Tra queste, l’annosa questione sulla vera identità della donna dipinta nel quadro, questione che ha visto susseguirsi diverse congetture, ufficialmente si tratta di Lisa Gherardini, moglie del mercante fiorentino Francesco Del Giocondo, per il mondo scientifico e per la gente comune un po’ qualunque cosa,  dal Leonardo da Vinci in vesti femminili, autoritratto della propria omosessualità, a una cortigiana della famiglia Medici, fino alle ipotesi alla Dan Brown.
Oggi gli studiosi del Comitato nazionale per la valorizzazione dei beni storici culturali e ambientali, sono ripartiti dalle Vite” del Vasari, il quale racconta che la modella di Leonardo fu effettivamente la moglie del fiorentino Francesco del Giocondo.
Sempre secondo Vasari dopo la morte del marito Monna Lisa si ritirò nel convento di Sant’Orsola, dove morì. Se vengono incrociati la biografia del Vasari con i documenti ecclesiastici dell’epoca, gli studiosi hanno verificato che effettivamente Lisa Gherardini morì tra le mura del convento, nel 1542, e lì presumibilmente fu sepolta, in una fossa comune assieme ad altre suore.
Basandosi su documenti d’archivio, il gruppo di ricerca intende scavare nei sotterranei di Sant’Orsola per cercare le spoglie della MonnaLisa: se dovessero riuscire a identificare con certezza il teschio, gli studiosi potrebbero farsi aiutare dai nuovi metodi di ricostruzione in 3d del cranio per ricreare i tratti del volto e paragonarli con il quadro di Leonardo.

Chissà se la tecnologia sarà in grado di rivelare l’identità della donna più affascinante e discussa dei secoli o se resterà avvolta dal mistero e dalla fantasia?

Giusy Cerminara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.