Trovata zanzara fossilizzata piena di sangue di 46milioni di anni fa

Ricordate Jurassic Park, il kolossal hollywoodiano in cui clonando il sangue trovato in una zanzara preistorica fossilizzata era possibile riportare in vita i dinosauri? Oggi quest film, ovviamente entro certi limiti, potrebbe essere considerato quasi realistico.  E’ stata trovata, a tal proposito, una zanzara fossilizzata e piena di sangue di qualche animale estinto a quel tempo. Tale zanzara risale a 46milioni di anni fa. Certo, la zanzara fossile non sarà d’aiuto per gli scienziati nel riportare in vita i dinosauri, anche perché risale a un’era successiva ai giganteschi rettili. La zanzara era fossilizzata nella roccia e il Dna sarebbe quindi compromesso.  Tra i primi a comunicare la notizia del ritrovamento vi è lo Smithsonian, la celebre istituzione scientifica americana. Secondo quest’ultima pare che il DNA decade dopo circa 512 anni anche in condizioni ottimali.
La zanzara fossile è stata ritrovata in Montana circa 30 anni fa da un cacciatore di fossili amatoriale, lo studente di geologia Kurt Costenius. Da quel momento la zanzara era rimasta nel suo scantinato. Successivamente, un biochimico in pensione, a caccia di fossili negli Stati Uniti occidentali per lo stesso Smithsonian Museum of Natural History, ha riconosciuto che si trattava di una scoperta epocale.
Pare che la zanzara fossile sia stata ritrovata in un luogo considerato l’ideale ai fini della fossilizzazione di insetti preistorici per la presenza della roccia sedimentaria e della densità ridotta dell’ossigeno. In seguito alle analisi svolte sulla zanzara fossile Greenwalt insieme all’entomologo Ralph Harbach, ha riferito sulla rivista Proceedings of Natural Science  che i risultati del test hanno dimostrato che l’addome dell’insetto è pieno zeppo di sangue e di eme, un composto legato ai globuli rossi, e che il sangue non è presente in altre parti del fossile. Purtroppo, nonostante i vari strumenti oggi a nostra disposizione, non ci è possibile risalire al quale animale sia appartenuto quel sangue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.