Le radiazioni fanno male alla salute? Ecco quanto è pericoloso volare

È sicuramente più facile avere un incidente in macchina, ma anche volare è pericoloso e ora vedremo quanto e perché. Le radiazioni fanno male alla salute? Dipende dalla frequenza con la quale si vola. Pochi sanno che quando si prende un aereo per un viaggio intercontinentale si assorbe una discreta dose di radiazioni cosmiche. Ovviamente, per un viaggiatore medio un volo intercontinentale non risulta frequente: la quantità di radiazioni cosmiche assorbita in una singola tratta rimane su livelli accettabili. Anche a terra e vicino al mare si subisce l’influsso dei raggi cosmici. Lo stesso, però, non si può affermare per i membri dell’equipaggio di un aereo e chi per lavoro o per amore è costretto a viaggiare spesso. Il problema è serio: l’aumento del rischio di tumori e di cataratte per i piloti è diventato un problema da non sottovalutare. In un anno i piloti assorbono più raggi cosmici e radiazioni solari di un lavoratore della centrale nucleare. Oggi, le compagnie aeree vogliono seguire sempre più rotte polari: ciò fa diminuire le distanze e risparmiare sui costi di carburante. Tuttavia, i poli trattengono una notevole quantità di radiazioni cosmiche. Volare è dunque pericoloso più di quanto si immagini, soprattutto per chi lo fa spesso. La Nasa sta monitorando la situazione e qualsiasi controllore di volo può ora sapere a cosa va incontro a ogni viaggio. Siamo ancora in una fase sperimentale, ma la situazione riguardante raggi cosmici e tempeste solare può essere prevista e far decidere alle compagnie aeree di propendere minori voli polari. Inoltre, i piloti sono indotti a fare controlli più spesso della norma. Dunque, viaggiare è pericoloso solo se si effettuano numerosi voli intercontinentali e soprattutto se se il viaggio è sulle linee polari. Per tutti gli altri volare non è pericoloso e la salute non è a rischio.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.