Silvio Berlusconi nella suite dell’ospedale San Raffaele

Silvio Berlusconi dopo lo scompenso cardiaco è ricoverato in ospedale, al San Raffaele, in attesa dell’operazione di domani. Un intervento chirurgico per sostituire la valvola aortica, queste le notizie che arrivano sullo stato di salute di Berlusconi. Ovvia la preoccupazione per l’intervento ma allo stesso tempo non possono mancare un po’ di chiacchiere e di curiosità sul suo ricovero in ospedale. Al San Raffaele c’è una suite di 300 metri quadrati, una mega suite riservata e sembra che sia stata realizzata dallo stesso Berlusconi insieme a Don Verzè. Nulla di strano, di certo non alloggerà gratis nella struttura ospedaliera, ma sale la curiosità sul come sia questa suite.

In attesa del delicato intervento che Berlusconi dovrebbe subire domani ci interessiamo al sesto piano dell’ospedale San Raffaele dove metà è occupato dal padiglione con la suite. Nove stanze e tre bagni e di seguito le foto.

Dopo 25 anni di coma è morta Ketty, la ragazza a cui i Pooh dedicarono una canzone – clicca qui

Stasera gioca l’Italia per gli Europei 2016 e Silvio Berlusconi è da sempre un appassionato di calcio; ovvio che ci sia anche un enorme schermo per seguire gli azzurri e rilassarsi prima dell’intervento previsto domani. Già in passato Berlusconi era stato ricoverato nella stessa suite ricca di tutti i comfort. Si dice che davanti alla porta ci siano ben cinque uomini della scorta e che nel salotto vengano filtrate le chiamate destinato all’ex presidente. In pochi ovviamente possono fargli visita, la compagna Francesca Pascale, il fratello paolo, i figli e i collaboratori di sempre, Fedele Confalonieri, Adriano Galliani, Gianni Letta, Niccolò Ghedini e pochi altri. Per chi si ferma a pranzo c’è il catering da Arcore. Il medico personale di Berlusconi ha commentato di averlo trovato molto provato e sfibrato. La preoccupazione e alta e Silvio Berlusconi ha confidato che si affida a Dio. C’è preoccupazione, inutile nasconderlo, anche per le sorti di Forza Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.