Poborsky, ex giocatore della Lazio morso da una zecca non sono buone le sue condizioni

L’ex centrocampista della Lazio, Poborsky,  non avrebbe mai immaginato che una zecca poteva  pungerlo proprio sotto la barba. Assurdo ma è proprio così. Il calciatore è noto anche per la sua folta barba che questa volta però non è stata premiata. Le notizie che arrivano direttamente dalla Repubblica Ceca rivelano che Poborsky non starebbe benissimo, purtroppo la conseguenza della puntura di zecca non è da sottovalutare. Il calciatore ha avuto una paralisi facciale, conseguenza proprio del morso di zecca, sotto la sua folta barba. Uno dei suoi più grandi amici ha rivelato le condizioni di salute del calciatore.

Pavel Kuka, compagno di nazionale a Euro ’96 e soprattutto grande amico del centrocampista ha detto: “Io non sono un medico e non posso dire nulla sulla sua malattia, ma questa notizia del suo grave stato di salute ci è arrivata la scorsa settimana. Speriamo che possa ristabilirsi presto – e continua l’amico sconvolto dicendo – abbiamo diversi progetti ma adesso l’unica cosa che conta è la sua salute”.

Come rimuovere le zecche facilmente – clicca qui

Karel Poborsky classe 1972, realizzò uno dei gol più belli nel quarto di finale con il Portogallo. Per qualche mese Poborsky tornò a far coppia con l’amico Nedved, che poi passò alla Juve che nel 2002 conquistò lo scudetto anche grazie a Poborsky.

Se volete evitare morsi di zecca allora evitate i terreni poco battuti ed infestati da erbe in zone di collina e bassa montagna soprattutto se potete evitare di sdraiarvi sull’erba. Vestitevi preferibilmente con abiti chiari in modo da rendere più facile la localizzazione delle zecche. Adottando questi accorgimenti si avrà la possibilità di rimuoverle ancora prima che si attacchino alla cute. Purtroppo se le zecche si attaccano alla cute e più difficile toglierle, pensate un pò tra la barba. Intanto noi facciamo i nostri migliori auguri al calciatore Poborsky sperando che tutto si risolva per il meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.