Terremoto, cosa fare durante e dopo: i consigli della Protezione Civile

Cosa fare quando la terra trema? “Io non rischio” è il nome della campagna di comunicazione sulle buone pratiche da adottare durante e subito dopo un terremoto. “Io non rischio” Terremoto, nasce da un’idea promossa e realizzata dal Dipartimento della Protezione Civile, dall’Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze, dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e dal Consorzio della Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica, in accordo con le Regioni e i Comuni interessati, di un po’ di tempo fa. Oggi è tornata alla ribalta sui social, specie su Twitter. Si tratta di una serie di vignette che contengono consigli sui comportamenti da adottare per limitare i rischi in caso di terremoto. In particolare gli esperti durante un terremoto consigliano di mettersi nel vano di una porta inserita in un muro portante, vicino ad una parete portante o sotto una trave o ancora sotto ad un tavolo o ad un letto resistenti. Queste sono le indicazioni da seguire se il terremoto dovesse verificarsi mentre siamo in casa.

Il terremoto devasta tutto – crollati interi paese – clicca qui

Qualora fossimo all’aperto, dovremmo allontanarci dagli alberi, dai lampioni, dagli edifici e dalle linee elettriche. Per limitare i rischi dopo un terremoto, nella stessa campagna, “Io non rischio” Terremoto, vengono riportati altri suggerimenti. Innanzitutto sarebbe una buona pratica, quella di assicurarsi dello stato di salute delle persone attorno a noi e di prestare soccorso in caso di necessità. Subito dopo un terremoto, prima di uscire di casa, dovremmo chiudere il gas e l’acqua e staccare a corrente, poi indossare un paio di scarpe e, con molta prudenza, fare le scale che a causa del sisma potrebbero essere instabili. La Protezione Civile invita poi i cittadini a limitare sia l’uso del telefono sia quello dell’auto, in modo tale da non intralciare i mezzi di soccorso. In ultimo, una volta usciti di casa dovremmo recarci nelle aree di attesa previste dal Piano di Emergenza Comunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.