Il principe George non sa che sarà re, nessuno gli ha ancora rivelato questo dettaglio (Foto)


Tutti conoscono il principino George e tutti sanno che un giorno sarà lui il re e dovrà essere pronto a prendere il posto del suo papà William (foto). Intanto, il primogenito di Kate Middleton non sospetta un futuro per lui già deciso. William e Kate vogliono che lui cresca come tutti gli altri bambini ma anche la regina Elisabetta è d’accordo: i bambini facciano i bambini. George viene educato ovviamente come è stato fatto per il suo papà ma intanto è all’oscuro di tutto. Mamma e papà fanno di tutto per essere una famiglia normale e il piccolo saprà solo al momento giusto di essere il terzo in linea di successione al trono, ovvero di certo sarà re. William ha confidato tutto in un’intervista alla BBC e ha aggiunto che la priorità adesso è crescerlo con i suoi fratelli in un ambiente sicuro e stabile e fargli sapere quanto amore provano un padre. Anche l’ex guardia del corpo di Diana ha aggiunto in un’intervista a People che George saprà esattamente chi è un giorno ma al momento Kate e William vogliono che questo momento arrivi il più tardi possibile.


IL MOTIVO EPR CUI GEORGE NON DEVE ANCORA SAPRE CHE UN GIORNO SARA’ RE

William ha partecipato al primo evento pubblico quando aveva 8 anni accanto a mamma Diana e quindi adesso George è solo un bimbo di 5 anni che frequenta una scuola borghese dove non riceve nessun trattamento speciale rispetto agli altri bambini. Baby George gioca con la sorellina Charlotte, con i cuginetti e con gli amici come tutti gli altri bambini.

C’è però un particolare: su Google sono più di 284 milioni i risultati che lo riguardano. Ogni maglietta o altro che indossa finiscono in pochi minuti sold out. Pensate che nonostante Meghan Markle sia popolarissima il suo nipotino lo è molto di più. E’ il reale inglese più amato e già nel 2014 Forbes lo aveva definito il bimbo più influente del pianeta. Il principe George però tutto questo non lo sa.


Leggi altri articoli di News dal mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close