Svelata la guerra tra Kate Middleton e Camilla Parker, il ruolo di matrigna delle favole (Foto)

La favola di William e Kate Middleton non è sempre stata tutta rose e a svelarlo è un nuovo libro dal titolo Game of Crowns – Elizabeth, Camilla, Kate and the throne scritto dall’autorevole giornalista Christopher Andersen (foto). Le nozze del principe d’Inghilterra con la bella Kate e la nascita di tre splendidi eredi, negli anni abbiamo seguito tutto, ogni dettaglio della loro storia d’amore, ma aveva dimenticato la matrigna. Se Lady Diana fosse stata in vita tutto sarebbe stato davvero perfetto ma al suo posto c’è Camilla Parker Bowles e sembra sia stata lei a tentare di mettere il bastano tra le ruote ma non riuscendo a far saltare il matrimonio tra Kate e William. La poco simpatica Camilla, in base a quanto rivela la Andersen, sarebbe stata l’artefice dell’allontanamento tra il principe e la Middleton prima del sì. I più attenti ricorderanno la strana separazione prima delle nozze, si parlò ufficialmente di una pausa di riflessione, ma oggi salta fuori ben altro.

TRA WILLIAM E KATE MIDDLETON IL NO DI CAMILLA PARKER BOWLES

Fu Camila Parker ad arrivare a un passo dal loro addio. Non approvava il loro fidanzamento, riteneva che i Middleton non fossero degni di entrare a far parte della famiglia reale inglese. Proprio lei che i sudditi hanno faticato ad accettare accanto a Carlo d’Inghilterra era riluttante all’idea che Kate facesse parte della sua famiglia.

La Duchessa di Cornovoglia non voleva che William sposasse Kate perché discendente di minatori di carbone e perché sua madre era un’assistente di volo. Alla fine l’amore ha trionfato e la felicità del futuro re d’Inghilterra è evidente accanto alla sua Kate. Camilla Parker ha perso e ancora di più adesso che nel nuovo libro scandalo si parla di lei in veste di matrigna, proprio quella delle favole, il personaggio che non piace a chi legge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.