Un anno di ricerche su GOOGLE: le 10 parole più cercate in Italia


Puntuale come sempre nel mese di dicembre 2019 arriva la classifica di Google Trends che ci rivela quelle che sono state le principali ricerche fatte nell’ultimo anno sul motore di ricerca più usato al mondo. Iniziamo dalla classifica delle 10 parole più cercate nel 2019 che vede al primo posto, purtroppo, il nome Nadia Toffa. Diciamo purtroppo perchè nel mese di agosto, come saprete, Nadia è venuta a mancare. Da quel momento le ricerche sono state davvero tante. Molte le persone che hanno cercato notizie sulla iena, sulla sua malattia. Tantissime le ricerche su Google e tanto il dolore per chi non potrà mai dimenticare le lotte e il sorriso di Nadia.

Vediamo la classifica su Google Trends con le 10 parole più cercate nell’ultimo anno.

LA CLASSIFICA DI GOOGLE TRENDS CON LE PAROLE PIU’ CERCATE NEL 2019

La classifica come sempre è influenza da fatti che sono accaduti, ad esempio al secondo posto troviamo Notre Dame, tantissime le ricerche relative alla cattedrale francese dopo l’incendio che l’ha distrutta quasi completamente.

1Nadia Toffa

2Notre Dame

3Sanremo

4Elezioni europee

5Luke Perry

6Governo

7Joker

8Mia Martini

9Mahmood

10Thanos

E grande dolore anche per la scomparsa di Luke Perry, l’amatissimo attore americano che ha interpretato il ruolo di Dylan in Beverly Hills. Non poteva mancare nelle parole più cercate su Google nel 2019 anche Mahmood. Il cantante che ha trionfato a Sanremo 2019 è stata una vera e propria rivelazione ma nessuno lo conosceva prima di vederlo sul palco del Festival. E a proposito di Sanremo, anche quest’anno il Festival si rivela seguitissimo anche sul web, piazzandosi nella classifica delle 10 parole più cercate.

Particolare l’ultima posizione con Thanos: per chi non lo sapesse è un personaggio immaginario dei fumetti creato da Jim Starlin e pubblicato dalla Marvel Comics. Restando in tema cinematografico grande successo anche per Joker, film tra i più visti in questa stagione e apprezzatissimo anche in Italia a quanto pare.

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close