Charlene di Monaco confessa il suo anno pieno di dolore, ecco perché sorridere è difficile (Foto)


Dà a tutti una bella lezione di vita Charlene di Monaco uscendo dalla sua riservatezza e confidando che il 2019 è stato per lei un anno doloroso, per niente facile, così come non è facile in certi momenti sorridere (foto). La moglie del principe Alberto di Monaco negli ultimi mesi si era ripresa l’appellativo di principessa triste, prima perché davvero sul suo volto era ormai scomparso il sorriso e poi per le sue continue assenze in occasioni di eventi pubblici a cui in passato non era mancata. In tanti avevano parlato di crisi tra moglie e marito, altri hanno additato Charlene Wittstock come una donna dal carattere particolare, per altri ancora era in dolce attesa e non al massimo della forma. Niente di tutto questo per la principessa Charlene di Monaco gran parte del vecchi anno è stato difficile da superare per dolori e preoccupazioni. L’ex nuotatrice ha confidato tutto al magazine sudafricano Huisgenoot.


CHARLENE DI MONACO IL SUO 2019 PIENO DI DOLORI E PREOCCUPAZIONI

Una lunga intervista a cuore aperto come non aveva mai fatto prima, sono tutte risposte alle critiche che ha dovuto leggere per la carenza di sorrisi nelle foto. “Le persone fanno presto a dirti “perché non ridi?”, ma non conoscono tutto quello che si nasconde dietro. A volte è difficile sorridere” ma il suo anno è stato doloroso e rivela di avere perso in dieci giorni due persone a lei molto care.

E’ stato un anno che l’ha colpito in modo pesante, la perdita die due cari amici in pochi giorni e poi la preoccupazione per suo padre che ha dovuto subire un delicato intervento chirurgico. Ha quindi concluso: “Ho il privilegio di fare un certo tipo di vita, è vero, ma spesso sono triste perché mi mancano la mia famiglia e miei amici in Sudafrica”.


Leggi altri articoli di News dal mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close