Meghan Markle con l’ascella sudata, non le perdonano niente già alla sua prima uscita del 2020 (Foto)


Meghan Markle ha fatto solo in tempo a tornare dal Canada e apparire accanto al principe Harry per il loro primo impegno pubblico che già arrivano le critiche (foto). Tutta colpa dell’ascella pezzata, le ascelle sudate che i reali inglesi non hanno apprezzato molto. In effetti il sudore che bagna il maglioncino a collo alto non è il massimo dell’eleganza ma perché non comprendere l’agitazione di una donna che sa di essere analizzata centimetro per centimetro e che magari tutto vorrebbe fare tranne che passare sotto la lente di ingrandimento. E’ tornata in gran forma Meghan Markle, le sei settimane in cui i duchi del Sussex hanno scelto di allontanarsi da Londra restando in Canada con il piccolo Archie, le hanno fatto benissimo. Ultra fashion con i toni caldi scelti per la gonna, il maglione, il cappotto, le scarpe, tutto sold out in poche ore. Non è bastato però a chi non smette di criticarla.

MEGHAN MARKLE INCANTA CON IL SUO LOOK MA L’ASCELLA PEZZATA NON LE VIENE PERDONATA

Harry e Meghan Markle appena tornati sono andati in visita alla Canada House, un omaggio al Paese che li ha ospitati in queste settimane. Il cappotto doppiopetto dal taglio maschile brand Reiss non ha fermato le critiche, se tutti lo vogliono abbinato alla gonna longuette in satin di Massimo Dutti con il dolcevita caramello sempre di Dutti e le scarpe Jimmy Choo, nessuno ha avuto una parola per lei che emozionata stava sudando così tanto da sporcare la maglia.


Lei ugualmente elegante e disinvolta ci resterà di certo molto male per i giudizi dei soliti leoni da tastiera, per i consigli di chi le ha scritto di evitare l’alone bagnato usando un buon deodorante. A loro non sono piaciuti nemmeno i suoi lunghi capelli che invece noi troviamo adorabili, per altri sono da strega. Sarà anche l’invidia a parlare, il sudore sotto l’ascella è davvero l’ultima cosa che possiamo notare in questa splendida donna.


Leggi altri articoli di News dal mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close