William e Kate dicono agli inglesi di restare a casa e seguono l’emergenza a Londra


Anche William e Kate Middleton sono ormai preoccupati per l’emergenza Coronavirus, riguarda tutti, nessuno escluso e il principe d’Inghilterra ha chiesto agli inglesi di stare a casa, di evitare i contatti non essenziali, di aiutare a ridurre la diffusione del virus. Richieste che conosciamo bene, quelle che per noi sono diventate regole vitali. Per rendersi conto in prima persona della situazione Kate e William hanno incontrato il personale del call center di Croydon, si sono recati a sud ovest di Londra e hanno appreso che il numero di chiamate dal pubblico è quadruplicato dall’inizio della pandemia. La preoccupazione sale e il duca di Cambridge oggi ha infatti scritto sui social il suo messaggio ai sudditi.

IL PRINCIPE D’INGHILTERRA CHIEDE A TUTTI DI STARE IN CASA

“State a casa, evitate contatti non essenziali per aiutare a ridurre la diffusione del virus” ha scritto sui social, è lui il re, di fatto William e Kate sono i sovrani d’Inghilterra. La regina Elisabetta e il figlio Carlo sono al castello di Windsor, hanno lasciato il Palazzo Reale allontanandosi dal centro della città.

“Catherine ed io eravamo orgogliosi di visitare il personale che lavorava al NHS 111, per trasmettere i nostri ringraziamenti personali, insieme a quelli di mia nonna e mio padre, al personale che lavora tutto il giorno per fornire assistenza e consulenza a coloro che ne hanno più bisogno” è l’altro messaggio apparso sul profilo social di Kensington Palace. 

Il principe William non nasconde la preoccupazione ricordando a tutti che ognuno ha un ruolo da svolgere, è importante per proteggere i più vulnerabili: “rimanere a casa se noi o coloro con cui viviamo hanno sintomi ed evitare contatti non essenziali per aiutare a ridurre la diffusione del virus”.

Leggi altri articoli di News dal mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close