William d’Inghilterra pronto a pilotare eliambulanze per l’emergenza ma la regina potrebbe fermarlo


Il principe William d’Inghilterra desidera dare il suo contributo concreto per aiutare le persone in questa emergenza coronavirus, sarebbe pronto a tornare a pilotare le eliambulanze. William fermo dagli impegni istituzionali per rispettare la quarantena che coinvolge tutti starebbe pensando di tornare sugli elicotteri da soccorso. Dal 2014 il principe era in servizio come pilota per la East Anglian Air Ambulance, quattro anni in cui ha operato di giorno e di notte, soprattutto nei soccorsi rapidi per incidenti stradali. A luglio del 2017 ha poi dovuto abbandonare, costretto per sollevare la regina Elisabetta dai tanti incarichi. Un abbandono a malincuore, appese la sua tuta da pilota al chiodo spiegando le motivazioni e ovviamente fiero di avere fatto parte di una squadra di persone straordinaria “che ogni giorno ha salvato vite umane”.

IL PRINCIPE WILLIAM PILOTA DI ELICOTTERI DA SOCCORSO 

Oggi che il suo Paese come tutto il resto del mondo è in grave difficoltà sarebbe pronto a indossare di nuovo quella divisa per fare la sua parte. Lo avrebbe rivelato alla stampa britannica già a inizio marzo, quando con Kate Middleton ha fatto visita al call center del National Health Service a Croydon, nel sud di Londra.

Una fonte avrebbe detto al Sun: “Il principe William ha preso seriamente in considerazione l’idea di tornare a lavorare come pilota di ambulanza aerea per aiutare durante questa pandemia”. Desidera sentirsi davvero utile in questo periodo drammatico ed è un desiderio che gli fa onore ma sembra che la regina Elisabetta potrebbe negargli tale possibilità. In questo momento la corona ha bisogno di lui, è il secondo erede al trono ma a tutti da sempre è apparso improbabile che possa diventare re suo padre: “La presenza di un principe forte e in salute in questo momento è fondamentale per la monarchia” è quanto dichiarato al Sun dalla stessa fonte. 

Leggi altri articoli di News dal mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close