Rita Dalla Chiesa a Italia sì spiega il suo post sull’estinzione dei cinesi

E’ stata travolta dalle critiche Rita dalla Chiesa per un post che ha pubblicato sui social qualche ora fa. E del caso si è parlato anche nella puntata di Italia sì di oggi 23 giugno 2020. Come saprete Rita dalla Chiesa è uno dei saggi del programma condotto da Marco Liorni su Rai 1 e proprio il conduttore questa mattina ha voluto dare modo alla scrittrice di chiarire la natura delle sue affermazioni in merito al popolo cinese, affermazioni che tanto hanno fatto indignare molti utenti di Twitter.

Tutto era iniziato con un tweet. Queste le parole di Rita, finita poi nel mirino di tanti commentatori:” Cina, al via il festival della carne di cane di Yulin: migliaia di animali macellati. “Crudeltà incredibile” – Il Fatto Quotidiano. È’ peccato mortale volere l’estinzione del popolo cinese??????“.

RITA DALLA CHIESA DA ITALIA SI SPIEGA COSA SIGNIFICAVA IL SUO MESSAGGIO SUI SOCIAL

La conduttrice prende la parola a Italia sì e spiega: “C’è un punto interrogativo, si capiva che era una provocazione, era una domanda. Ne abbiamo fin sopra i capelli dei cinesi, fra il coronavirus, la dittatura, la carne dei cani. Sia chiaro, non si vuole generalizzare, ma mi sto riferendo al wet market dove vengono macellati ogni giorno migliaia di cani. Abbiamo fatto tante petizioni e firmato in tutto il mondo, e loro avevano promesso 3 mesi fa che non lo avrebbero più fatto, e quindi eravamo tranquilli e felici. Invece sono tornati a farlo”.

Basteranno queste parole di Rita per spiegare quello che era il suo intento?

 La conduttrice spiega di non aver apprezzato i titoli a effetto e commenta: ” io non ho chiesto l’estinzione della Cina, sarei una pazza. In quel momento lì a vedere quelle immagini mi è venuto di botto, tanto è vero che mi ero anche dimenticato quel tweet, poi ho scoperto che era diventata un caso. E’ forte il tweet ma sono forte anche quelle immagini”.

La dalla Chiesa ha avuto tempo e modo di spiegarsi nella puntata di oggi di Italia sì e ha anche voluto aggiungere che cosa intende per estinzione. “Se loro non hanno capito che fosse un’interrogazione, la differenza la fa il punto di domanda, quando ho visto i cani infilzati… io non mangio nessuna carne, le mie scarpe e borse sono di ecopelle. Io vorrei l’estinzione di questa abitudine, avevano detto che avrebbero smesso di farlo, invece hanno ricominciato. Non ce l’ho con quelli che mangiano la carne, ognuno è libero di fare quello che vuole, ma se vedo il mio Pedro o la mia Lina infilzata io mi sento male. Chiedevo l’estinzione di queste abitudini perchè loro non hanno mantenuto la parola. Io mi sono battuta per anni su questa cosa, e sono coerente con me stessa” ha concluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.