Kledi Kadiu commuove con la foto e il racconto da bambino, la sua vita a Tirana

Una foto di 35 anni fa, Kledi Kadiu a lezione di danza a Tirana con gli altri bambini. E’ lo scatto che ha pubblicato sul suo profilo social per non dimenticare mai da dove arriva e quanto sacrificio c’è dietro la sua danza ma anche perché non avrebbe mai immaginato così bello il suo presente, Kledi Kadiu deve la sua fortunata ai programmi televisivi italiani, soprattutto ad Amici. E’ diventato popolare a amatissimo grazie alla scuola di Maria De Filippi. Aveva tanta voglia di fare, di studiare e di “diventare”, era così già da piccolo. Nella foto Kledi si riconosce subito, pensa ai tanti anni passati e gli fa impressione scrivere quel numero. Il suo obiettivo era il diploma di danzatore all’opera di Tirana. Una foto in bianco e nero che gli riporta alla mente le lezioni di danza alle 8 del mattino, ogni giorno, dal lunedì alla domenica, sempre.

KLEDI KADIU RICORDA LE LEZIONI DI DANZA DA BAMBINO A TIRANA

Sono ricordi che commuovono quando racconta: “Ricordo le lezioni alle 8 del mattino (7 giorni su 7) e il mio maestro che pretendeva che alle 8 fossimo già riscaldati. Che si faceva allora ? Vestiti da danza, alle 7 del mattino, una corsa di mezz’ora attorno al palazzo dell’Accademia.
Spogliatoi e sala ballo senza riscaldamento. L’inverno a Tirana era freddissimo. Le vetrate avevano la brina e studiando ci usciva il fiato dalla bocca”
.

Il suo post prosegue: “Mai mi sarei aspettato tutto quello che è venuto dopo e che mi ha fatto diventare l’uomo che sono oggi. Sempre grato alla vita! E grazie anche al freddo che mi ha temprato”. Oggi ha realizzato non solo il suo sogno di danzatore professionista ma anche nella vita privata.

Ha sposato Charlotte Lazzari, ballerina e insegnante di yoga, sono felici insieme e hanno una bimba, Lea, nata il 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.