Filippo Magnini festeggia l’Inter in piazza, poi cancella la foto e spiega

Dalla festa per lo scudetto vinto dall’Inter a una pioggia di critiche per Filippo Magnini che dopo poco ha cancellato la foto incriminata. L’Inter è la sua squadra del cuore e Magnini non ha resistito, si è trovato anche lui a festeggiare in piazza Duomo a Milano tra gli altri tifosi neroazzurri. Immagini che hanno subito scatenato la polemica, assurdo che mentre siamo ancora in piena pandemia per il covid ieri siano venute meno tutte le restrizioni. Assembramenti che hanno coinvolto anche Filippo Magnini che non si è reso conto subito che quella foto scattata con orgoglio avrebbe fatto arrabbiare i follower costretti a casa o a seguire di certo le regole. Piazza Duomo era gremita, Filippo Magnini ha scattato un bel selfie e poi ha pubblicato la foto sul suo profilo social, ma dopo le critiche l’ha rimossa.

FILIPPO MAGNINI SPIEGA PERCHE’ HA CANCELLATO LA FOTO IN PIAZZA DUOMO

Il nuotatore era di passaggio, non è uscito di casa con l’intenzione di festeggiare con tutti gli altri, pochi minuti ed è andato via. Re Magno non ha pensato alle conseguenze di quello scatto e tra le stories ha risposto a chi gli ha chiesto spiegazioni.

Una bufera che non si aspettava ma tutto è peggiorato quando Magnini ha eliminato lo scatto. Tantissimi le critiche, tanti o follower delusi perché lui era in piazza con tutte le altre persone, tantissime, troppe. Una mancanza di rispetto che non è andata giù a molti ma il campione di nuoto ha spiegato tutto. 

“Se ho cancellato la foto è perché non volevo che un semplice scatto venisse strumentalizzato” la realtà è che come sempre per tornare a casa passa per piazza Duomo, come è accaduto anche ieri. Il tempo di un selfie e di capire che non era il caso di trattenersi ed è andato via ma l’errore è stato postare quello scatto. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.