Gianluca Vacchi si è vaccinato in Serbia, turismo vaccinale con jet privato

Anche per Gianluca Vacchi la sua vaccinazione contro il covid finisce sui social ma l’imprenditore si è vaccinato in Serbia ed è questo a suscitare la curiosità di tutti. Con una storia pubblicata su Instagram Vacchi, mentre con il jet privato era di ritorno a casa, ha ringraziato il Paese che l’ha ospitato e vaccinato. Prima dose per Gianluca Vacchi e anche per la sua compagna, Sharon Fonseca. A breve la coppia tornerà a Belgrado per la seconda dose. Un turismo vaccinale per niente economico, non per le tasche di tutti, anche se sembra che la Serbia abbia già fatto dietrofront perché dando la possibilità di vaccinarsi anche agli stranieri erano rallentate le somministrazioni per i cittadini serbi. Magari Vacchi si era prenotato in tempo, prima dello stop. L’Ambasciata serba in Italia aveva però reso noto che il vaccino continuava ad essere offerto ai cittadini stranieri che rispondevano a determinati requisiti o intrattenevano rapporti di lavoro con la Serbia. 

PERCHE’ GIANLUCA VACCHI SI E’ VACCINATO IN SERBIA”

“Stiamo tornando a Bologna dopo la prima dose del vaccini, grazie Serbia per trattarci come se fossimo veri cittadini” ha commentato in inglese. Nei mesi scorsi la Serbia aveva dato a tutti la possibilità di vaccinarsi, agli stranieri che potevano prenotarsi scegliendo anche il tipo di vaccino contro il Covid. “Torneremo per la seconda dose” ha proseguito l’imprenditore.

C’è da sottolineare che il presidente serbo Vucic ha previsto per i cittadini serbi che si vaccineranno entro maggio un riconoscimento di circa 25 euro, attribuito per il senso di responsabilità di chi si sottopone al vaccino.

Per Vacchi e la bellissima Sharon Fonseca è bastato un semplice click sul portale eGovernment, compilare un modulo e prendere l’aereo privato per Belgrado, lo stesso preso per tornare a casa dalla loro dolcissima bimba.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.