La moglie di Gianni Morandi racconta quando l’ha visto subito dopo l’incidente

Anna Dan, la moglie di Gianni Morandi, parla per la prima volta dell’incidente, delle ustioni, della paura che per entrambi è stata enorme. E’ su Sette, magazine del Corriere della Sera, che Anna ripercorre quella giornata, sono passati più di cinque mesi ma non la dimenticheranno mai. Gianni Morandi porta sulla mano ancora le conseguenze delle gravi ustioni e sua moglie confida che lui questa volta ha preso una bella botta, che lo spavento è stato tale che non lo dimenticherà mai. Racconta che l’11 marzo Gianni è caduto nel fuoco e quando è riuscito ad alzarsi e a venirne fuori l’ha telefonata. Lei pensava lo chiamasse per la cena ma ha subito capito che era successo qualcosa di grave, l’ha capito dalla voce. Ha aperto la porta e l’ha trovato sulla soglia di casa, non riusciva nemmeno a tenere il cellulare in mano perché aveva dolori fortissimi.

GIANNI MORANDI LE CHIEDEVA UNA CREMA PER LE SCOTTATURE

Nonostante tutto Gianni non si rendeva conto della gravità e chiedeva a sua moglie con insistenza una crema per le scottature. Era tutto ben più grave, non bastava una crema. “L’ho trovato proprio lì, sulla soglia di casa con il telefonino sotto al braccio perché non poteva tenerlo in mano, con dolori fortissimi ovunque. Poi in casa si è appoggiato al muretto del camino e per la prima volta l’ho visto fragile e completamente immerso in un presente del tutto inaspettato”.

E’ arrivata l’ambulanza e i medici hanno deciso il trasporto all’ospedale grandi ustionati di Cesena spiegando tutta la gravità della situazione. Purtroppo ancora oggi non è finita, Gianni Morandi deve continuare con le terapie per riprendere la funzionalità della mano ma è andata bene, anche se è difficile mantenere l’umore sempre alto.Ad aiutarlo tantissimo i suoi fan, i follower ma più di tutti Jovanotti che gli ha regalato “L’allegria”, che gli ha ridato la voglia di rinascere e continuare a cantare. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.