Carolina Marconi ha perso la sua Zora, disperata chiede aiuto

Sono ore di angoscia per Carolina Marconi che ha perso il suo cane, è disperata per la scomparsa della sua Zora. Una distrazione e la sua cagnolina adesso non sa dove sia. Carolina Marconi sui social racconta che un operaio ha involontariamente lasciato aperto il cancello di casa sua e la cagnolina è uscita senza fare ritorno. Hanno controllato le telecamere ed è così, nessuno l’ha presa, è semplicemente uscita dal cancello. Per l’ex gieffina questo periodo è già così tanto difficile, perché dopo l’operazione al seno sta facendo la chemioterapia, adesso questo dolore, questo dispiacere la rendono vulnerabile. Il suo appello al pubblico è disperato, Zora ha 11 anni e ha bisogno di cure.

CAROLINA MARCONI PUBBLICA IL NUMERO DI TELEFONO PER AVERE NOTIZIE DELLA CAGNOLINA

Prima un appello tra le storie Instagram e pochi minuti fa ha postato tutti i dettagli aggiungendo anche il numero di cellulare. Sta cercando la sua cagnolina, chihuahua a pelo lungo di colore bianco. Carolina abita in zona Cassia, Tomna di Nerone, a Roma ovviamente. Pensa che qualcuno possa averla già trovata e messa al sicuro, chiede di fare girare l’appello, di condividere le foto.

“Ieri pomeriggio si e’ persa la mia cagnolina di nome Zora. E’ un chihuahua con pelo lungo di color bianco champagne. Un operaio ha lasciato senza volere il cancello del mio giardino aperto ..dalle telecamere si vede che esce fuori ma non torna più indietro. E’ successo a ROMA NORD in zona Tomba di Nerone – via Cassia nei pressi del CarrefourÈ munita di chip e abbiamo già sporto denuncia agli organi competenti. Al momento della scomparsa aveva un collarino antiparassitario” è il post di Carolina Marconi che aggiunge: “Vi prego aiutatemi a ritrovarla. Se c’è qualcuno che ha visto qualcosa o l ha trovata, pensate che c’è la sua mamma che sta malissimo e non vede L’ ora di riabbracciarla…lei è la mia vita”. Aggiunge il numero di telefono che non è il suo numero personale, chiede notizie certe immaginando che c’è chi potrebbe approfittare della situazione. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.