Charlene di Monaco operata di nuovo: non torna più a casa?

Come sta Charlene di Monaco? La principessa mogli di Alberto di Monaco ha appena subito un’altra operazione. Operata in una clinica in Sudafrica sta proseguendo la sua strada verso la guarigione, anche se sull’origine dei suoi problemi per qualcuno c’è ancora qualche dubbio. Il ritorno a casa era previsto per la fine di questo mese ma adesso sembra che i medici debbano stabilire quando potrà volare. Charlene di Monaco è lontana da suo marito e dai suoi figli da oltre otto mesi, anche se Alberto di Monaco e i gemelli sono andati più volte da lei. L’intenzione di Charlene Wittstock era quella di promuovere un progetto contro il bracconaggio dei rinoceronti e poi di prendersi un po’ di tempo libero con i vecchi amici, poi sono arrivati i problemi di salute.

Charlene di Monaco se i medici diranno di sì potrà tornare a casa

L’operazione prevista ieri dovrebbe essere l’ultima, poi toccherà ai medici dire se la principessa di Monaco potrà tornare a casa. Il ritorno nel Principato era stato annunciato dal principe Alberto qualche giorno fa spiegando che mancava solo un controllo medico, poi forse sono sorte altre complicazioni.

E’ il Monaco Matin a riportare la notizia del nuovo intervento in anestesia totale ma anche questo non è chiaro, sembra che invece l’anestesia sia sta molto meno invasiva. Una grave infezione dopo un intervento ai denti, questa la notizia ufficiale arrivata da Palazzo con la conferma del principe che ha più volte difeso sua moglie rispondendo a chi pensa che lei sia in esilio e che tra loro il matrimonio sia finito. “Non se n’è andata perché era arrabbiata con me o con chiunque altro” ha risposto così il principe Alberto arrabbiandosi per i continui pettegolezzi sulla sua famiglia, su Charlene in Sudafrica. La Wittstock appare sempre più magra sui social e con commenti che lasciano pensare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.