Fedez allarma i genitori di bambini piccoli: “Epidemia virus respiratorio, fate molta attenzione”

vittoria ferragni ospedale

La piccola Vittoria, la figlia di Fedez e Chiara Ferragni, è ancora in ospedale ma continua a migliorare, la mamma e il papà fanno sapere che è una roccia ma è il rapper a lanciare l’allarme sul virus che ha colpito la sua bambina. Qualcosa si era già intuito, prima la semplice spiegazione che Vitto aveva preso il virus dal fratellino, Leo, ma in forma più grave perché piccolina. Poi Chiara Ferragni ha confidato che anche la figlia neonata della sua migliore amica a Los Angeles era in ospedale per lo stesso problema di salute. Adesso Fedez lancia l’allarme, richiama l’attenzione dei genitori di bambini piccoli, soprattutto neonati. Il problema respiratorio conseguenza del virus che ha colpito la piccola Vittoria sembra sia una vera epidemia che riguarda i più piccoli.

E’ allarme epidemia virus respiratorio, l’allarme di Fedez e Chiara Ferragni

Questa volta è il rapper ad aggiornare i fan sui social, è lui che in queste ore ha sostituito Chiara Ferragni in ospedale accanto alla loro bambina. In una Instagram story ha parlato di virus respiratorio sinciziale, sembra sia questo che ha colpito la figlia. “Questo virus RSV (Respiratory syncytial cirus) non va preso alla leggera”. Vittoria sta meglio, sembra che non ci siano più grandi preoccupazioni.

“Epidemia virus respiratorio in neonati, è allarme: ospedali italiani pieni. Se avete bambini piccoli fate molta attenzione mi raccomando. Questo virus RSV (Respiratory syncytial cirus) non va preso alla leggera” questo il messaggio di Fedez che mette tutti in apprensione.

Pochi minuti fa ha sempre Fedez aggiunto una foto della sua bimba nel lettino d’ospedale, gioca, sta molto meglio: “La Vitto è una roccia, migliora sempre di più. Non sottovalutate questo virus che sta girando perché è una brutta bestia. Mi raccomando”. Il rapper conferma così che il pericolo virus, lo stesso che ha colpito sua figlia, non va sottovalutato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.