Chiara Ferragni, anche la figlia della sua amica è in ospedale come Vittoria

Chiara Ferragni ospedale

Dopo avere rassicurato un po’ i follower sulle condizioni di salute di sua figlia Vittoria, Chiara Ferragni ha condiviso il post di una sua cara amica. Uno scatto e un commento che hanno di nuovo preoccupato i fan. Dopo il silenzio le rassicurazioni sul come sta la piccola Vittoria arriva poi la foto di un’altra neonata, è la figlia di una sua carissima amica, anche lei ricoverata in ospedale per lo stesso problema di Vitto. La preoccupazione di una madre è comprensibile la Ferragni chiede a tutti di mandare anche a Rachel Zeilic i pensieri positivi che possano aiutare la sua bimba. Chiara Ferragni non vede l’ora di tornare a casa, che tutto passi e infatti sul suo profilo posta una foto della sua famiglia.

Chiara Ferragni. “Vedere un figlio che sta male è spaventoso”

E’ così folle che anche la mia migliore amica sia in ospedale nello stesso modo di Vittoria a Los Angeles. Mandate anche a lei i vostri pensieri” scrive la Ferragni mostrando la foto della piccolina.

Poi sul suo profilo social pubblica lo scatto di qualche tempo fa, sono tutti a casa insieme, lei, Fede e i due bambini, Leo e Vitto. Non vede l’ora che tutto torni come prima, non vede l’ora che tutto passi e di tornare a casa.

“Una vecchia foto perché onestamente non vedo l’ora di essere tutti a casa e avere la famiglia riunita – scrive Chiara – Vittoria sta migliorando ogni giorno e siamo così grati per tutta l’energia positiva che ci state trasmettendo. Vedere il proprio bambino ammalato è davvero l’esperienza più spaventosa che si possa avere e la salute è davvero il lusso più grande, non dimentichiamolo mai”. 

La piccola Vittoria sta sempre meglio e la sua mamma confida che spera continui così fino alla guarigione. Per il momento resta in ospedale, a causa del virus che ha preso dal fratellino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.