Ashton Kutcher racconta della malattia: “Non riuscivo a vedere, sentire e camminare”

Ashton Kutcher parla della malattia, dell'incubo vissuto per un anno
Ashton Kutcher problemi salute

Solo adesso che sta bene Ashton Kutcher è riuscito a parlare della malattia, dei problemi di salute che due anni fa l’hanno fermato compromettendo per un anno la vista, l’udito, il suo equilibrio. Non riusciva a camminare ma trova la forza di parlarne solo adesso. Ashton Kutcher ha raccontato della malattia e della grave forma da cui è stato aggredito durante il programma Running Wild with Bear Grylls: The Challenge. Lo vedremo in onda su National Geographic ma ecco cosa ha raccontato l’attore, come è venuto fuori dal suo incubo scoprendo della malattia autoimmune.

La malattia di Ashton Kutcher una rarissima forma di vasculite

L’attore ha rivelato cosa gli è accaduto due anni fa, un periodo così difficile da non riuscire a parlarne: “Due anni fa ho avuto una rarissima forma di vasculite” ovvero una malattia autoimmune che causa l’infiammazione delle pareti dei vasi sanguigni ma che può compromettere diversi organi. Non sapeva di avere questo problema di salute e quando l’ha scoperto ha iniziato ad avere problemi diffusi: “Aveva messo fuori uso la mia vista, il mio udito, tutto il mio equilibrio. Non sapevo se sarei mai tornato a vedere, sentire, camminare. Ci ho messo un anno per recuperare i miei sensi. Sono fortunato ad essere vivo”.

Parlarne quando il problema è per fortuna risolto forse non impressiona come quando la malattia è in corso ma per Ashton è ovviamente stato estenuante. Una volta guarito ha però capito che il suo futuro doveva viverlo in modo diverso: navigando sui problemi invece di vivere sotto di loro.

Durante il suo incubo ha dovuto subire varie chiacchiere sul suo stato di salute, notizie false. Non gli importa, ciò che conta è che adesso si sia ripreso del tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.