Belen Rodriguez il racconto shock della notte in cui venne sequestrata: “rubarono tutto”

E' molto forte il racconto di Belen Rodriguez: parla di quella notte in cui lei e la sua famiglia vennero sequestrati in Argentina per oltre otto ore, una notte da incubo
belen racconta del suo sequestro

Per l’inserto del Corriere della sera Sette, questa settimana Teresa Ciabatti ha intervistato Belen Rodriguez e con lei ha parlato degli anni dell’infanzia e dell’adolescenza in una Argentina che all’inizio le diede tanto ma che poi cambiò in modo così repentino da costringerla a scappare in Italia perchè lì nulla era più sicuro. Lo spiega bene Belen: non c’era da avere paura della notte o di quelle cose che spaventerebbero i ragazzini. Era la vita quotidiana a fare paura perchè a causa della crisi improvvisa e della povertà, centinaia di persone si erano ritrovate a rubare, pur di vivere. C’era chi ha scelto una vita comunque dignitosa, come nel caso della sua famiglia che aveva lasciato tutto e si era trasferita in campagna, quasi vicino alle Favelas e c’era chi commetteva reati. Una sera successe quello che Belen e la sua famiglia temevano: “saccheggiavano i supermercati, entravano nelle case, rubavano e uccidevano le famiglie. Un giorno arrivano da noi. In otto, armati e drogati di colla. Io ero in giardino, mi prendono per i capelli, mi trascinano dentro“. Inizia così il racconto di Belen che torna indietro nel tempo e rivela quello che le successe poco prima di decidere di lasciare tutto per trovare un lavoro in Italia e permettere poi alla sua famiglia una vita migliore.

La notte da incubo di Belen Rodriguez

Erano armati, con le pistole e Belen fece tutto quello che dicevano ma anche un atto che avrebbe potuto condannarla: “Con lo stipendio del volantinaggio avevo comprato un paio di stivali a rate. Neri, con le borchie, il mio orgoglio. Così, mentre loro saccheggiano casa, io, con le mani legate, riesco a spostarmi e a prendere gli stivaletti per nasconderli nella fessura del divano letto.”

Poi Belen viene chiusa in bagno, da sola. Vogliono sapere il numero del conto corrente di suo padre. Un incubo che dura otto ore. Da casa porteranno via tutto: dalle forchette ai piatti passando per le lenzuola. Ma nessuno si farà male. E Belen deciderà però che è ora di cambiare rotta, di cercare un nuovo destino perchè i suoi genitori meritano una vita serena, una casa. E solo quando, dopo anni di lavoro, riuscirà a comprare una casa “nella zona dei ricchi” per la sua famiglia, riuscirà di nuovo a dormire più serena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.